Gonella e i denti di Neeskens

Una volta non era tutto meglio, anzi. Il calcio no di sicuro. Il nome di Sergio Gonella rimarrà per sempre legato alla finale del Mondiale 1978 fra l’Argentina padrona di casa senza Maradona e la Grande Olanda senza Cruijff, con i due fuoriclasse per motivi diversi e tuttora incomprensibili nemmeno convocati fra i 22 da Menotti e Happel. L’arbitro di Asti è da poco scomparso, a 85 anni di età, ed è chiaro che dirigere una finale di tale importanza è qualcosa che supera tutto il resto della carriera messo insieme: anche se hai arbitrato 175 partite di serie A e tante altre a livello internazionale, fra cui la finale dell’Europeo 1976 vinta dalla Cecoslovacchia sulla Germania Ovest. Unico altro nella storia a riuscire nella doppietta di finali europea e mondiale lo svizzero Dienst, quello (sintetizziamo la sua vita, perché magari ha scoperto un vaccino contro una malattia rara e non lo sappiamo) del non gol di Hurst nella finale di Inghilterra 1966 e della prima finale di di Euro 1968 fra Italia e Jugoslavia, quella finita 1-1.

Tornando a Gonella, che i più giovani conoscono per i vari incarichi dirigenziali nel mondo arbitrale (è stato anche designatore, fra l’altro in uno dei rari periodi con un sorteggio quasi vero, nella stagione dello scudetto del Milan di Zaccheroni), bisogna ricordare che nel 1978 la sua partecipazione mondiale era tutt’altro che scontata. In lizza per rappresentare l’Italia c’erano lui, considerato un arbitro severo e vecchia scuola, e Alberto Michelotti di Parma, più portato (in rapporto ai tempi) al dialogo, sia pure a modo suo. Entrambi sarebbero stati un’ottima scelta, ma la decisione della commissione designatrice della FIFA (con a capo il potentissimo Artemio Franchi, all’epoca presidente UEFA e vicepresidente di Havelange alla FIFA) premiò Gonella, mentre Michelotti dovette accontentarsi di essere nelle’elenco delle riserve.

Dirigente della Banca Commerciale Italiana, in quel 1978 Gonella lavorava a La Spezia: Argentina 1978 fu a 45 anni il suo premio alla carriera, pur ricordando che un arbitro internazionale in quegli anni poteva scendere in campo anche oltre i 50 anni. Prima designazione di prestigio: Brasile-Spagna il 7 giugno a Mar del Plata. Tutto bene, 0-0 e poche proteste, quindi a Gonella bastò non fare danni nelle partite da guardalinee (la famigerata Argentina-Perù e Tunisia-Messico) per essere il favorito per la finale. L’Italia e Zoff lo aiutarono raggiungendo ‘soltanto’ quella per il terzo posto, quindi Franchi ebbe buon gioco nel vincere le resistenze degli argentini che volevano l’uruguayano Barreto (designato come guardalinee, insieme all’austriaco Linemayr) e inserire un po’ di Italia nella finale. Designazione accettata dagli argentini e sgradita agli olandesi, che temevano una sorta di vendetta per il gioco duro nella partita contro gli azzurri, con Arie Haan protagonista negativo e impunito. E premevano per l’israeliano Klein, altro arbitro caro a Franchi (lo avremmo incrociato in Italia-Brasile 1982, per la gioia di Zico).

Di quella finale del 25 giugno 1978 si è scritto di tutto. Certo è il clima di intimidazione che accompagnò l’Olanda dal suo albergo allo stadio, certo è che Gonella fece tutto a termini di regolamento. Fece togliere a René Van de Kerkhof la fasciatura rigida al polso destro, dopo le proteste degli argentini, e cercò di stroncare sul nascere il gioco duro. Senza successo, però. Poco a poco la situazione degenerò e anche con il senno di poi bisogna dire quello di Gonella non fu un buon arbitraggio. Niente di scandaloso, pensando alle tante porcherie nella storia del Mondiale, ma anche niente di cui essere orgogliosi. Rivedendo le immagini della partita si può notare però che non abboccò a un tuffo di Luque in area che altri arbitri avrebbero trasformato in rigore e che non fece invenzioni a favore dei padroni di casa. Lasciò però che gli argentini affondassero ogni entrata, non vedendo una gomitata con cui Passarella spaccò qualche dente a Neeskens, che poco dopo si vendicò su Tarantini. Capito il metro di giudizio, anche gli olandesi cominciarono infatti a farsi giustizia da soli e Gonella ebbe il buon senso di tenere in tasca anche i cartellini rossi che avrebbero meritato loro.

Partita brutta, come spesso sono le finali, ma anche violenta come raramente è capitato di vedere nell’era moderna. Gonella ebbe la fortuna di non dover gestire vere situazioni da area di rigore, ma non seppe farsi rispettare in un contesto in cui, va detto, probabilmente nessun arbitro sarebbe stato capace di farsi rispettare. Quasi superfluo ricordare che nei giorni seguenti alla finale l’arbitraggio fu elogiato soltanto dai media argentini, soddisfatti, e da quelli italiani che educavano le masse al culto degli ‘arbitri migliori del mondo’. Un atteggiamento mediatico che tutto sommato è cambiato di poco, nonostante varie evidenze, anche ai giorni nostri. Una finale di questa intensità vale una vita, per questo poco dopo Gonella annunciò il suo ritiro nonostante avesse davanti ancora diversi anni di carriera internazionale.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.7/10 (7 votes cast)
Gonella e i denti di Neeskens, 9.7 out of 10 based on 7 ratings

20 commenti

  1. Direttore
    Al partito di quelli che “l’Olanda meritava il mondiale” va comunque detto che gli orange furono tutt’altro che memorabili per tutto il torneo , con l’unica eccezione della partita con l’austria (peraltro appagata dal passaggio del primo turno)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
    1. beh considerando come avevano passato il turno con il perù, un par di cazzi.
      poi il destino fermò tutto sul palo di Resenbrink al 90

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +5 (from 9 votes)
      1. Italo
        Non sono d’accordo
        L’Olanda passo il primo turno per differenza reti , rischiando moltissimo contro la Scozia
        Il secondo fu anch’esso tutt’altro che memorabile , con la Germania agguantata in recupero , e l’Italia che tecnicamente è tatticamente non le mostro il pallone fino a che non trovarono i tiri da lontano….
        Non mi ricordo assolutamente una grande Olanda , una squadra esperta si..

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: +1 (from 7 votes)
        1. sui gironi concordo, ma l’Argentina fu portata in finale. Mi basta il ricordo della partita con l’Ungheria.
          ciò non toglie che in finale non fu gioco pari. a parte i 6 goal al perù.
          l’Italia mancò di cinismo, ed invece di far riposare i titolari con l’Argentina per prendere il girone meno duro, si andò avanti alla carica. Poi non scorderei lo 0-0 con la Germania che si salvò dalla goleada.
          le amnesie di Zoff con l’Olanda le pagammo carissime, ciò non toglie che in finale successe di tutto in uno stadio tutto argentino.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: +3 (from 5 votes)
    2. Olanda orrenda nel girone, sfruttando il suicidio della Scozia con l’Iran (c’era ancora lo Scià…) e comunque per 3 minuti a un passo dall’eliminazione… Ma il girone di semifinale lo giocò comunque molto bene, senza comunque dimenticare l’occasione enorme per il 2-0 avuta da Paolo Rossi prima dei due famosi tiri da fuori…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  2. c

    Sì, dai, abbiamo capito il mondiale 1978 è stato un furto in stile Juve.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  3. Cyd
    Quello non lo so
    Secondo me sicuramente ha espresso meno valori tecnici rispetto a 74 e 82
    Italo su questo credo convenga

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
    1. beh rispetto al 1974 sicuramente. Sarà che ero ragazzo, ma vidi tutte le partite, pure Cile-Australia e ho l’album panini di quei mondiali.
      non solo l’Olanda e la Germania, ma pure la Polonia. Brasile a ciclo finito, Argentina ai minimi storici

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 2 votes)
  4. Ma se avessero voluto far vincere l’Argentina avrebbero dato il rigore su Luque ed espulso Neeskens per il fallo di reazione su Tarantini, si dice così, no?!
    Argentina ai minimi storici non si può leggere, idem per le altre (a fine carriera era Rivelino ma mica tutto il Brasile, non scherziamo…).
    Ma quando muoiono gli arbitri del MOndiale del 66?! No, per capire…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 5 votes)
    1. mi riferivo ovviamente al 1974

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  5. Dandy
    Argentina ai minimi storici penso sia un eresia in effetti (una delle rare di Italo)
    Sulle altre citate da Italo direi che Polonia Germania e Brasile (82>>78) sicuramente erano più forti nel 1982
    Per non parlare della Francia per dirne una
    L’italia Nel 78 era sicuramente più divertente

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. F

    primo mondiale visto in toto, prima tv a colori, tutto bellissimo altrochè

    poi come dice italo tutto si fermo sul palo di rensembrink, uno dei più meravigliosi giocatori di quella enorme squadra

    se non sbaglio in porta c’erail famigerato jongbloed col numero 8 (cosa che mi faceva impazzire ) o schijvers?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  7. U

    “se non sbaglio in porta c’erail famigerato jongbloed col numero 8 (cosa che mi faceva impazzire )”

    E Fillol col 5.

    i baffi di Luque spettacolari

    Tra i mondiali che non ho visto (ricordo vagamente e male solo alcune cose…mica sono così vecchio) i miei preferiti per le storie che si porta dietro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. Gobbo, Ardiles con l’1 era infinito…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 3 votes)
  8. U

    Chiedo a voi vecchi invece…chi si ricorda quelle dispense settimanali che venivano vendute in edicola prima dei Mondiali dell’82 in cui si raccontavano le varie edizioni dei Mondiali ?

    In regalo c’era la coccarda della nazionale vincitrici di quell’edizione…fu cosi che iniziai ad appassionarmi alla storia dei Mondiali

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    1. M

      Gli scudetti li ho persi tra un trasloco e l’altro, ma le dispense le ho tutte, e in discrete condizioni, se ci tieni così tanto potrei lasciarmi convincere a cedertele.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  9. t

    Gobbo: non ti sei appassionato con le galleries dei duelli bollenti tra wags? O l’articolo sui twitter di Buffon?

    Eh ma gli spermatozoi dei campioni italiani.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  10. U

    Michel
    Spara il prezzo
    🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    1. M

      L’approvazione entusiastica e incondizionata di tutti i post di Leonto fino a fine mondiali.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +7 (from 7 votes)
  11. U

    Michel
    Oh cazzo…mi e scaduta la carta di credito
    Facciamo sulla parola?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi