Il calcio di Suning

L’avventura cinese di Fabio Capello è finita dopo 22 partite con lo Jiangsu Suning, soldi a parte (tanti, fra mesi di lavoro e accordo per la rescissione del contratto si possono ipotizzare almeno 10 milioni di euro) è stata negativa su tutta la linea e non soltanto per i risultati. Con le dimissioni di Walter Sabatini da Suning Sports, che ovviamente riguardano anche il suo ruolo di uomo-mercato dell’Inter, era chiaro che per Capello, da lui fortemente voluto lo scorso giugno, non ci fossero più le condizioni per lavorare in un gruppo che nel calcio è ancora alla caccia della prima vittoria. Se l’Inter è alla seconda stagione della sua era Suning ed è ancora in tempo per raggiungere l’obbiettivo stagionale, lo Jiangsu comprato nel dicembre 2015 aveva subito iniziato bene con un secondo posto nella stagione dei quattro allenatori (uno era Dan Petrescu), per poi sprofondare l’anno scorso e tentare la risalita con un superstaff, almeno a livello di nomi: Capello a coordinare Zambrotta e Brocchi, più Tancredi come preparatore dei portieri e Ventrone preparatore atletico. Meglio i nomi dei risultati…

La nostra tuttologia non si spinge fino a guardare le partite del campionato cinese, se non quando scommettiamo, ma leggendo le 22 formazioni del Capello cinese si notano frequenti cambi di modulo e i pochi giocatori di qualità (su tutti Alex Teixeira) spostati di continuo. Indicatori di nervosismo, come minimo. L’indisponibilità di Ramires (che mette in una luce diversa la disponibilità di Capello nel prestarlo a Spalletti) ha fatto il resto, poi a quasi 72 anni uno che ha allenato Van Basten, Roberto Carlos, Totti, Buffon e Maldini non può entusiasmarsi guidando Paletta, Sainsbury e Moukandjo in uno stadio semivuoto (in media 22.000 spettatori in un impianto da 62.000), ma va detto che questo lo sapeva bene anche prima di accettare le proposte di Sabatini e Zhang. Nessuno è andato a prelevarlo di forza da Marbella o dagli studi di Fox. Insomma, la ruggine dopo 8 anni da selezionatore, fra Inghilterra e Russia, e 2 da commentatore, si è sentita tutta perché la rosa non è certo da retrocessione, come indicherebbe la posizione in classifica.

Certo è che la Cina non è un posto dove andare a svernare, tipo Qatar, vista la qualità, l’età e le ambizioni degli allenatori dei maggior club: da Cannavaro, che sta facendo benissimo con il Guangzhou Evergrande a Paulo Sousa, da Vitor Pereira a Pellegrini, per non parlare di Manzano e Paulo Bento, la Superleague è piena di tecnici che non sfigurerebbero nella nostra serie A. Gli unici con una logica capelliana, un po’ da fine carriera, ci sembrano i grandi (ma da giocatori) Uli Stielike e Bernd Schuster. Anche fra i giocatori, gli stranieri di serie A (se ne possono schierare massimo tre a partita) non mancano: Lavezzi, Pato, Guarin, Hulk, Witsel, Mascherano… E adesso? Come allenatore Capello ha già abbondantemente dato, ma l’esperienza da dirigente, la conoscenza del calcio internazionale la cultura generale nettamente superiore alla media dell’uomo di calcio farebbero di lui un eccellente presidente della FIGC. Soluzione forse troppo logica per diventare vera, visto che aziendalista non significa burattino.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 6.7/10 (3 votes cast)
Il calcio di Suning, 6.7 out of 10 based on 3 ratings

6 commenti

  1. F

    Leonto, ipse dixit

    Serafini

    “Vuoi vedere che questo Mr. Li non è né un pirla né un furfante come stanno provando a farci credere, e invece i conti li sa fare? Fossi in voi, cari amici milanisti, non mi preoccuperei: piuttosto comincerei (finalmente!) a fare qualche domanda anche a proposito di Preziosi, Cellino, Spinelli, Zamparini, Ferrero, Pallotta… E perché no, Suning. Magari qualche domanda cominciate a farla a Walter Sabatini. Vi sembra una buona idea?”

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    1. Fantomaz
      Letto
      Mah , vedremo

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  2. B

    com’è bravo Serafini a lisciare il pelo al Milan ma penso non abbia capito molto della situazione.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
    1. G

      Serafini si limita a cercare Una logica a quello che sta succedendo con la proprieta’ Del Milan. Finora Li ha sborsato circa 600 per acquistare la societa’+quelli per fare il mercato. I salari mi pare siano pagati regolarmente e gli aumenti di capitale pure. Ma soprattutto, Serafini e con lui molti milanisti non si spiegano questo interesse morboso per ogni bonifico in entrata, mentre a nessuno importa Di andare a vedere Cosa succede intorno ai vari Suning, Pallotta, Zamparini etc.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
      1. B

        Suning è una società viva e vegeta (che ha immesso capitali per centinia di milioni nell’Inter) ed esistente. Mr Li è un fantomatico personaggio che non conosce nessuno e sul quale ci sono tanti dubbi (e inchieste, ma quelle non contano per me).
        Paragonarli è già una cazzata, paragonare Suning a Zamparini è una trollata buona per fare fessi i milanisti di bocca buona.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 4 votes)
  3. G

    Capello come dirigente FIGC lo vedrei molto bene. Ma anch’io penso sia improbabile per gli stessi motivi indicati dal Direttore.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento