Rosetta, Philae e la musica lunare

Qual è il vero scopo che motiva l’uomo ad esplorare lo Spazio, direttamente o tramite robot? La notizia dell’arrivo del lander Philae sulla cometa 67p Churyumov-Gerasimenko dopo ben 10 anni di viaggio in compagnia della sonda Rosetta, con le incredibili immagini pubblicate dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e i problemi di posizione per illuminare i pannelli solari, rilancia una domanda che può avere innumerevoli risposte. Dai tempi dei primi razzi, satelliti e quindi delle missioni spaziali sovietiche e poi americane, culminate con quelle Apollo (ammesso che siano avvenute veramente, direbbero i complottisti alla Capricorn One) ci si interroga sul possibile confine e traguardo di viaggi tanto costosi verso un corpo celeste, che negli anni hanno fruttato sì materiali e informazioni scientifiche ma che sono ancora lontani da quanto la fantascienza (proprio perché fantastica) immagina.

Ciò che è certo è che l’attrazione e l’interesse per lo Spazio, in primis per la Luna si trasforma in affascinante osservazione per chiunque punti gli occhi verso il cielo; se poi pensiamo ai rover atterrati su Marte ormai da dieci anni e che i cinesi – freschi della sonda Chang’e-3 lunar, con a bordo il rover Yutu – prevedono di portare il primo taikonauta (ossia astronauta per loro, così come cosmonauta per i russi) sul suo suolo nel 2025 si può tranquillamente avviare un lunghissimo conto alla rovescia.

Conto alla rovescia che a noi piace iniziare a scandire grazie a un po’ di musica ‘lunare’ partendo da La tua prima Luna, canzone di Claudio Rocchi – storico esponente del progressive italiano scomparso lo scorso anno – del 1970 (album Viaggio). Composizione non semplice da ascoltare e decisamente specchio dell’epoca in cui fu realizzata. Traccia due di una ideale compilation la riserviamo a L’ultima Luna, uno dei tanti brani classici di Lucio Dalla (album omonimo del 1979) che utilizza la Luna per dipingere sette quadri. Luna di Gianni Togni entra di diritto in traccia tre (1980, album …e in quel momento, entrando in un teatro vuoto…), un must delle nostre estati, seguita dal gran reggae di E la Luna bussò (Loredana Berté, 1979 Bandaberté), e il qui stracitato pop di Non voglio mica la Luna (Fiordaliso, 1984).

Nel 1959 Mina intonava invece la stranota Tintarella di Luna (tipo quella che prendeva La Famiglia Addams), mentre meno conosciuta ma estremamente incisiva e drammatica è Luna in piena di Nada, gran bel pezzo presentato al Sanremo del 2007 (album omonimo). Da riscoprire infine anche Luna nuova (Silvia Conti, 1985), tipico sound anni ’80 per una voce che non abbiamo poi più ritrovato. Potremmo andare ancora avanti, ma gli altri brani – stranieri compresi, un album ‘oscuro’ a caso? – li lasciamo tranquillamente scegliere a voi in attesa che il 23 novembre l’astronauta Samantha Cristoforetti parta alla volta della Stazione Spaziale Internazionale.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Rosetta, Philae e la musica lunare, 10.0 out of 10 based on 1 rating

3 commenti

  1. Luna rossa
    Guarda che luna
    Spunta la luna dal monte (Bertoli coi mitici Tazenda)

    Se si guarda all’estero oltre al citato Dark Side of the Moon (a cui sono decisamente grato) a me piaceva molto Goodnight moon degli Shivaree.

    E spengendo gli sterei e accendendo le piazze e le aie invece non si può non ricordare il brano popolare “Io vorrei che sulla luna” poi ripreso e modificato da Gianni Rodari, citato anche nel Sorpasso (ma non ricordo se sulla stessa aria che usa in Toscana).

    Io vorrei che sulla luna
    Ci si andasse in bicicletta
    Per trovar la più civetta
    Delle donne di lassù

    Io vorrei che sulla luna
    Ci si andasse col cavallo
    Per potere fare un ballo
    Con le donne di lassù

    Io vorrei che sulla luna
    Ci si andasse col vapore
    Per poter fare all’amore
    Con le donne di lassù

    I bacini che m’hai dato
    L’ho buttati in una vasca
    Ti vo qui ti vo là ti vo in tasca
    L’ho trovato più bello di te

    Più bellino più elegante
    Più sincero nel fare all’amore
    Mi ha donato tutto il cuore
    Tutto il bene lo vuole a me.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. materiali, informatica, comunicazioni, i primi tre campi che mi vengono in mente che hanno ricevuto un impulso decisivo dalla corsa allo spazio. eh ma 100 mln per un sasso sono troppi …

    Ps: in realtà, dante col suo ulisse aveva centrato il punto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  3. T

    @spike

    d´accordo su tutto e la citazione della frase di ulisse (probabilmente i miei versi preferiti della divina commedia e fra le mie citazioni top in assoluto) quando incontra dante é perfettamente centrata

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi