Amazon batte moneta e l’Italia no

Insert coin, anzi Coins. Amazon è una repubblica indipendente, come gli altri grandi (Google, Facebook, Apple) che in cialtronese 3.0 si definiscono ‘over the top’. Indipendente a tal punto che batte moneta, cosa che non fa ad esempio l’Italia (e meno male: dare l’arma della svalutazione in mano a cialtroni post-politici porterebbe in due anni verso Weimar). Dal prossimo maggio i clienti statunitensi di Amazon potranno infatti disporre di una moneta virtuale che servirà ad acquistare giochi, applicazioni e contenuti multimediali extra per il Kindle Fire Hd. Moneta che si chiamerà, originalmente, ‘coin’ e che varrà un centesimo di dollaro. Traduzione: gli acquisti saranno mediati da un nuovo ambiente, invece che direttamente dalle carte di credito (che non spariranno, ma saliranno di un gradino nella scala dell’hackeraggio visto che con qualcosa queste monete di Amazon dovranno essere comprate). Traduzione bis: sarà più facile buttar via i soldi, la storia delle carte prepagate insegna questo in ogni settore merceologico. Da notare bene: all’inizio con i ‘coins’ non sarà possibile acquistare tutto ciò che viene venduto in Amazon, ma solo i prodotti digitali: eBook, file musicali, applicazioni. Non quindi frullatori, libri di carta, biciclette. Da notare benissimo: non ci sarebbe nessuna ragione per usare i ‘coins’ se non un risparmio rispetto ai prezzi in dollari e (in futuro) in euro. Prevedibile quindi la sagra del dumping, cioé del ribasso sfrenato dei prezzi (con il digitale il limite inferiore è quasi zero) per buttare fuori i concorrenti. L’autorevole giudizio di Indiscreto: il risparmio dovrà essere davvero grosso per indurre la gente a complicarsi ulteriormente la vita con iscrizioni, password, cazzi e mazzi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.0/10 (5 votes cast)
Amazon batte moneta e l'Italia no, 9.0 out of 10 based on 5 ratings

15 commenti

  1. sono antico. i libri li compro di carta nella libreria sotto casa, i mitici contenuti multimediali se non sono gratis non m’interessano.

    poichè il batte propria moneta, mi fa scattare il riflesso pavloviano, posto due immagini per vedere come se la cava chi lo fa: GB.

    http://imageshack.us/photo/my-images/17/boeukcurrentaccount0512.jpg/

    http://imageshack.us/photo/my-images/836/gdprealquarterlyactual.jpg/

    piuttosto male direi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. immagino la riunione di cervelli per decidere il nome della moneta

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  3. Ma è una moneta digitale nuova o il famoso/famigerato bitcoin?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. “il risparmio dovrà essere davvero grosso per indurre la gente a complicarsi ulteriormente la vita con iscrizioni, password, cazzi e mazzi.”

    mmm… secondo me no. sarà sufficiente qualche offerta. ormai farsi schedare fa sempre meno effetto.

    quando poi spareranno a chi parlerà, nel 2013, di svalutazione competitiva, sarà sempre troppo tardi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. “cosa che non fa ad esempio l’Italia (e meno male: dare l’arma della svalutazione in mano a cialtroni post-politici porterebbe in due anni verso Weimar)”

    mi spiace ma con questo luogo comune mi è proprio caduto. Meglio con lo sport.

    questo è per l’infarinatura:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/abagnai/

    poi se vuole l’approfondimento:

    http://goofynomics.blogspot.it/

    almeno spero cosi’ che non scada in simili banalità e luoghi comuni.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  6. @cuginostivi: Tutto quello con cui non si è d’accordo è banalita e luogo comune, proprio una bella argomentazione (da luogo comune, direi). Peccato che negli articoli che citi si parli di innalzamento dei tassi di interesse per difendere il cambio, oltretutto in una situazione particolarissima come quella del 1992. L’uscita dal sistema monetario europeo fece diminuire i tassi, perché come correttamente riportato, non c’era più alcun cambio da difendere. Adesso, intendo nel 2013, non c’è un cambio da difendere ma un debito pubblico da (ri)finanziare di continuo. Non capisco come i profeti del ritorno alla lira, magari anche solo per motivi ideologici, con i loro redditi di cittadinanza e le loro promesse alla cazzo, possano essere convinti che uno stock di debito in continuo aumento (per colpa degli interessi, peraltro) sia più facilmente (e quindi con tassi inferiori) piazzabile di uno in diminuzione.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  7. Nel 91 ci fu una recessione, nulla al confronto di oggi, dalla quale gli USA uscirono subito qui il PIL:

    http://imageshack.us/photo/my-images/62/unitedstatesgrossnation.png/

    che fanno i tassi USA?

    http://imageshack.us/photo/my-images/443/unitedstatesgovernmentb.png/

    ohhh! magia!

    eppure loro lo sanno benissimo visto che spiegano la discesa dei tassi ITA, da quando ci agganciamo all’euro fino a ieri, proprio con la dipendenza che i tassi ITA avevano verso quelli USA. Incredibile no? Ovviamente, poi, dimenticano totalmente di ricordare che il mondo del 92 era un mondo in RIPRESA, come da grafico postato, che in USA fu pure forte. Oggi il mondo è in STAGNAZIONE e la UE in RECESSIONE, e quindi chi cappero compra? mistero glorioso dell’ideologia.

    Infatti il paese che ha la sterlina e che ha SVALUTATO

    http://imageshack.us/photo/my-images/801/sterlingindex0712octjpg.png/

    che ha fatto?

    qui l’inflazione

    http://imageshack.us/photo/my-images/819/cpirpisince2007.png/

    aggiunto ai due grafici già postati prima, vediamo che ha avuto una spinta di breve durata, vedi partite correnti, nel 2009, dopo di che l’inflazione s’è mangiato il recupero di competitività da svalutazione e, assieme alla recessione UE, ha fatto si che le partite correnti oggi siano PEGGIORI rispetto alla condizione di partenza, idem per il pil reale. anche qui e chi se l’aspettava?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  8. Mi pare riduttivo dire che il luogo comune è tutto quello con cui non si è d’accordo.

    Quello che Lei ha scritto per me è un luogo comune e le ho indicato 2 posticini dove con un po’ di studio poteva tranquillamente confrontarsi, evidentemente non ha studiato abbastanza ( troppo veloce la risposta) ma tant’é.

    Probabilmente si preferisce i commenti dei giavazzi e degli alesina

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/te-lavevo-detto-leuro-ci-ammazzera-profezia-di-alesina-del-97-lunione-aumentera-i-50493.htm
    ( simpatico no?)

    o dei professori bocconiani,

    http://archiviostorico.corriere.it/1992/giugno/17/svalutare_lira_follia__co_0_92061717514.shtml

    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1993/09/12/la-svalutazione-ci-ha-fatto-bene.html

    (Confuso l’amico eh?)

    a quelli di premi nobel

    http://www.presseurop.eu/it/content/article/2648351-paul-krugman-l-euro-e-campato-aria

    ma tant’è.

    Per inciso, ma crede veramente che noi riusciremo mai a ripagare il nostro debito pubblico?

    I giapponesi con debito pubblico del 200% del pil hanno iniziato a svalutare, cosa sono pazzi ?
    O vogliono fare il culo alla culona?
    Loro non hanno la corruzzionelacastaelacricca?

    Oggi non abbiamo più un cambio da difendere ma un paese da salvare…meglio svalutare il salario che non una moneta no?! o no?
    lascio ad altri il fogno europeeeeeo, sempre in attesa delle cavallette delle pestilenze degli unni e dei vandali.

    Questo è il suo blog, dove giustamente scrive quello che vuole,e io vengo per leggere di sport, per cui la stimo, semplicemente mi è parso molto semplicistico come ha voluto trattare questo argomento.

    Ora provo a far muovere l’economia 😀 :D.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  9. @cuginostivi:

    nel 93 gli USA erano in espansione, come i paesi OCSE, cosa che oggi non è. Oltre a postarti i dati devo pure farti un disegnino?

    eh, ma lo dice bagnai e lo dice krugman.krugman esaltava pure l’argentina fino a poco fa.perchè?

    Il punto è che praticamente il gotha degli economisti che si occupano di moneta sostiene la tesi opposta,cioè che un’uscita unilaterale dall’euro è pura follia. perchè? perchè sono i dati a parlare.

    il giappone? http://tinyurl.com/b4cvzt2 buona lettura.

    Ps: si svaluta per ridurre il salario, da quel punto di vista le cose sono IDENTICHE.

    Pps: il debito NON va ripagato deve esser sostenibile. se si vuol discutere di queste cose, almeno i concetti base devono esser fatti salvi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  10. ingegnere vero?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  11. Spike sai benissimo che tutti gli agganci monetari fatti a una moneta forte sono terminati SEMPRE nel solito modo, e il nostro caso non sarà diverso, fattene una ragione.
    L’economia rimetterà apposto quello che ottusi politici hanno voluto legare a forza insieme.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  12. @cuginostivi:

    ma una volta non era troppo basso il cambio? oggi è il contrario?

    Domanda: perchè si svaluta una moneta? sai che succede poi?

    come vedi partiamo dall’abc,basta questo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  13. http://www.youtube.com/watch?v=ORxIyTtXtUU

    Spike@ Enjoy yourself it’s later than you think

    Sai dirmi cos’è che è esploso (come crescita%) da quando siamo nell’euro?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  14. @cuginostivi:

    partite correnti. occhio correlation is not causation

    simpatico il video 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. @spike no io intendevo il debito privato…vabè no era solo per ribadirti
    “Enjoy yourself it’s later than you think”:

    http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1185176/Euro–la-Germania-non-si-fida-dell-Italia–le-aziende-tedesche-pensano-gia-in-lire.html

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento