Stallone italiano

Sylvester Stallone ha visitato Roma in occasione del Festival Internazionale del Film. Le foto che stanno girando sul web in compagnia del sindaco Gianni Alemanno ci mostrano l’attore classe 1946 in buona forma. Il sorriso e lo sguardo – eventuali ritocchi a parte – sono sempre gli stessi, quelli che ce lo hanno reso subito simpatico fin dai tempi dei premi Oscar vinti da Rocky (1976) quando la sua carriera prese definitivamente il volo.

Una storia perfetta quella dello ‘stallone italiano’, sceneggiata da lui stesso, della quale si ricordano ancora l’ambientazione di strada, l’epica colonna sonora che fa da sfondo alla crescita del personaggio e l’ottima scelta dei co-protagonisti. Su tutti Burgess Meredith (l’allenatore Mickey Goldmill), Talia Shire (la fidanzata e poi moglie Adriana Pennino), Burt Young (il cognato, Paulie Pennino) e Carl Weathers (l’avversario, Apollo Creed). Da lì sono poi arrivati diversi seguiti, la serie di Rambo (il primo meno ‘fumettoso’) ed episodi dal successo altalenante.

Se dobbiamo scegliere altri due film di Stallone che amiamo particolarmente non possiamo però non citare Fuga per la vittoria (1981), dove si improvvisa improbabile ma straordinario portiere di una squadra di calcio di prigionieri di guerra (con la storica sfida finale a Parigi contro i tedeschi), e il pirotecnico e meno noto Cliffhanger (1993), spettacolare storia ambientata nella finzione sulle Montagne Rocciose, ma in realtà girata sulle Dolomiti. Un’opera che all’epoca dell’uscita ci divertì parecchio pur non essendo considerata un classico del genere d’azione. Da segnalare, nel ruolo del perfido antagonista, la presenza dell’ottimo John Lithgow.

Stallone ha però nella sua storia anche una serie di possibili parti da protagonista non andate in realtà a buon fine e che hanno poi dato vita a grandi successi al botteghino. Si parla di (fonte Wikipedia, lo precisiamo) film come Superman, American Gigolò, Arturo, Conan il barbaro, Beverly Hills Cop, Witness, Trappola di cristallo (Die Hard), Basic instinct… Insomma ci sono state anche delle occasioni perdute per l’attore di origine italiana al quale ora piacerebbe girare un nuovo capitolo della saga di Rambo. Qualcuno potrebbe storcere il naso anche se dopo la rivincita ottenuta anche fronte critica con Rocky Balboa (2006) è meglio restare cauti.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.3/10 (3 votes cast)
Stallone italiano, 4.3 out of 10 based on 3 ratings

27 commenti

  1. Marco Alemanno?
    Alvaro qua non ci siamo 🙂
    “Vai Fernandez è tua..” Cit
    “Vituà. Vituà Vituà ” CoroCit
    Mitico fuga per la vittoria , il mio primo film videoregistrato

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. la serie di Rocky per me è culto allo stato puro (l’avrò vista una trentina di volte), a parte l’inguardabile quinto episodio.
    Certamente l’unico vero film è il primo, ma anche negli altri, attraverso certe scene (alcune da lacrime agli occhi), certe frasi e certi pezzi della colonna sonora, ho sempre ritrovato una poesia comune che mi ha fatto passare in secondo piano anche le americanate fini a se stesse.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Il secondo Rocky è secondo me all’altezza del primo, per molti aspetti anche più profondo, molto forzato il terzo (quello con Mister T), divinamente trash il quarto (e la scena dell’allenamento incrociato è comunque da leggenda), non male il quinto (buona l’idea del pupillo traditore), triste il sesto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  4. A

    @Leonto:grazie per la segnalazione… sì grande film Fuga per la vittoria, anche per la presenza di calciatori veri a partire da Pelè con la sua epica rovesciata e l’epilogo da brividi.

    @ricca: Rocky è emozionante anche per la parabola del personaggio e quello che lo circonda. Guardando ai sequel da ricordare per il IV la frase “io ti spiezzo in due” di Ivan Drago che nell’originale era “I must break you” e lo show di James Brown a introdurre Apollo Creed con l’avversario che osserva attonito.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  5. Niccon
    Convinci Marcopress**** e Campatelli****
    A quel che so c’è ancora il loro potentissimo veto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. j

    Stallone per American gigolò ….? E per Basic instinct…? Meno male che Caccia la ladro l’han fatto quando era ancora piccolo…. 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. r

    segnalo anche l’ottimo “cop land” con Hrvey Keitel nella parte del cattivo e De Niro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  8. r

    ma poi Arturo? L’unica cosa che Stallone ha in comune con Dudley Moore è l’altezza!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  9. il primo rambo e i primi due rocky ottimi. terzo e quarto rocky godibili,5 e 6 non visti. gli altri rambo post primo pessimi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  10. A

    @jeffbuckley: la fonte citata è Wikipedia… comunque in questa intervista ne parla lui stesso: http://www2.macleans.ca/2012/03/06/on-feuding-with-arnold-schwarzenegger-and-whats-wrong-with-todays-action-heroes/

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  11. Direttore, secondo me il Rocky II ha le due scene più emozionanti della serie (quando lei nel letto di ospedale gli dice “vinci..”, e quella finale con lui con la cintura di campione in mano che dice “Adriana, ce l’ho fatta” e in questa frase c’è tutto rocky)però il film l’ho trovato un po’ più scontato del primo, anche se sempre notevole.

    ps: l’allenamento incrociato, con l’americano nei boschi e il russo in palestra con le macchine, visto razionalmente è una cagata pazzesca, ma in realtà, detto fuori dai denti, è stata una trovata strepitosa… 😀

    Alvaro, indimenticabile nel IV la corsa notturna con la Lamborghini , le immagini di Apollo e Drago nella sua mente, e no easy way out come colonna sonora..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  12. A

    @Stefano Olivari: in effetti il terzo sembra il più debole, quello che si ricorda meno per certi versi… devo rivedermelo. Il IV è da culto considerato che sfrutta al meglio la ‘retorica’ della Guerra Fredda. Epico Stallone che arriva in cima alla montagna correndo con giubbotto e berretto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  13. V

    Miglior scena di Rocky: “non ci sarà rivincita” “e chi la vuole”, “non me ne frega un cazzo del futuro vai via!” e la ragazzina che gli dice “vaffanculo Rocky” e lui che si mette a parlare tra sé. Da brividi. Cmq incredibile quanto migliore sia doppiato rispetto all’originale inglese, nno pensavo che Stallone fosse un cane a recitare finché non ho cominciato a vedere i film in lingua originale.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  14. A

    Per l’angolo del chissenefrega segnalo che Stallone è originario del mio paese,pare che abbia fatto anche un anno di asilo qui.Mi hanno anche fatto vedere la foto di classe,la somiglianza c’è ma è difficile capire se è davvero lui.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. A

    @Arthur Dent: sarebbe uno scoop considerato che è nato a New York. Suo nonno è nato a Gioia del Colle invece.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  16. l

    Aspetta. Rocky è un capolavoro che probabilmente la fama che si è fatto l’attore negli anni porta a sminuire. L’altro filmone , rambo è un concentrato di frasi culto che non hanno replica, dette tutte insieme, in nessun altro film che ricordi (la scena finale con l’elenco dei compagni poi è struggente oltre il limite), però Rocky mi sembra più alto come film.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  17. A

    Esatto io sono di gioia del colle.Uno della sua età mi ha raccontato che il padre lo lasciò un anno con alcuni parenti in italia per problemi economici,inoltre lui dice di ricordare questo bambino che all’asilo non parlava italiano.Mi ha fatto vedere anche la foto di classe ed effettivamente c’è un bimbo che potrebbe essere lui.Ovviamente potrebbe essere benissimo una leggenda metropolitana,in ogni caso potrei informarmi meglio visto che una sua parente è una mia vicina.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  18. @Vi: non è jack nicholson, ma non è un cretino, ho il cofanetto celebrativo della saga, ricordo che mi sorprese per profondità l’intervista a stallone che spiegava nel dettaglio i meccanismi della sceneggiatura del primo film… tra l’altro nel doppiaggio e nell’adattamento, si perdono alcune chicche

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  19. r

    “allora vedo che non volete capire , non sono venuto a salvare Rambo da voi, sono venuto a salvare voi da Rambo”…immortale!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  20. A

    @redbejelit: “Rambo sono Murdock, felice di sentirti vivo. Dove sei? Dacci la tua posizione che ti veniamo a prendere”… “Murdock… sono io che vengo a prenderti!” (da Rambo II)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  21. l

    Alvaro non era nel tre?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  22. D’accordo col Direttore, i primi due Rocky dello stesso livello, meravigliosamente trash il quarto dall’allenamento incrociato (quella però è una scena di grande cinema difficilmente riscontrabile altrove) al confronto di culture (tra l’americanismo cafone di James Brown e la freddezza glaciale dei russi).
    Il primo Rambo veramente di qualità, come temi toccati (aaahhh, l’amore degli americani per i propri soldati!…) anche meglio di Rocky con in più tutte le frasi culto già citate.
    Ciò che ha rovinato Stallone è stata la pessima recitazione (veramente un cane…) non all’altezza dei progetti, un certo fumettismo che ammorbava sempre più i vari sequel man mano che si succedevano e un certo sentimentalismo di maniera che sembrava sempre cercare ruffianamente di dare importanza a pellicole innocentemente trash, in pratica la storia a specchio di Christian De Sica! 😀
    Entrando nel personale, per l’ambito trash non mi dispiacquero “Sorvegliato speciale”, “Over the top” e l’esilarante “Oscar, un fidanzato per due figlie”.
    Menzione speciale invece per Cliffhanger, in cui apparve come controfigura il mio free-climber preferito (lo sfortunato quanto irraggiungibile Wolfgang Gullich), e per “Fuga per la Vittoria”, dove Ardiles (e bacchettata per Leonto e Alvaro che hanno sorvolato! 😛 ) compie il gesto più emulato dai ragazzini dell’epoca (con tanti saluti alla rovesciata di Pelè…).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  23. A

    @leo: no era in Rambo 2.

    Nel 3 lotta contro i komunistoni in Afghanistan con l’aiuto dei poveri ribelli talebani (famosa la scena dove lui e il generale sono accerchiati dai russi e li salvano questi pastori armati di bastoni… momento WTF per come poi la storia si è evoluta!)

    @Alvaro Delmo: dimentichi una cosa importante: quando Rambo pronuncia “Murdock!” in sottofondo c’è un tuono rotfl!

    http://youtu.be/TN76A327PnI

    bello invece il discorso finale
    “Io voglio, loro vogliono, e ogni altro ragazzo che è venuto fin qui e ci ha lasciato la pelle o ha dato tutto quello che aveva, vuole che il nostro paese ci ami quanto noi lo amiamo, ecco quello che voglio!”

    altro che i militari che tornano dall’Afghanistan e tutti lagrime napulitane mariomerole viste su youtube! Il vero epilogo della guerra per soldati che erano considerati dei perdenti dalle autorità e degli assassini dall’opinione pubblica!

    oh alla fine un film di Cosmatos con sceneggiatura di Cameron, mica gli ultimi 2 pirla che sanno fare appena 2 esplosioni in post-produzione!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  24. B

    in rocky 4 mitico il sosia di gorbaciove in tribuna, poi il discorso di rocky “se noi possiamo cambiare, tutto il mondo può cambiare” tira giù il muro di berlino!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  25. V

    @Nicola: Nic io sono uno stalloniano di stretta osservanza, per capirci ho visto D-Tox al cinema appena uscito. La sceneggiatura di Rocky l’ha scritta lui quindi scemo decisamente non è. Resta il fatto che se ti guardi Rocky I (capolavoro) in italiano rende di piu’, sia a livello di scrittura dei dialoghi che di pathos dato dal buon Proietti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  26. @Dane:

    Ardiles

    confermo, io lo faccio ancora, altro che elastico 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  27. Dane Spike
    Al numero da circo equestre di Ardiles ( al più ricordato dal sottoscritto perché giocava con l’1 nei mondiali , l’ordine alfabetico..) preferivo lo stop di petto da manuale del calcio della buonanima di Kazymierz Deyna

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)

Lascia un commento