Arrabbiati come Delio Rossi

E finalmente siamo arrivati alla fine di un campionato che sarà ricordato come il primo vinto dalla Juventus dopo la vicenda Calciopoli, il primo di Scommettopoli, il primo dell’era Moratti Massimo in cui l’Inter esce stabilmente dalla fascia che conta per situarsi (chi può dire per quanto tempo?) nella seconda o terza, il primo in cui tanti campioni sono giunti al capolinea e dopo aver fatto la storia di alcuni club (Juve, Milan, Inter) ora entreranno in una nuova vita alla quale forse non sono preparati. E’ stato anche l’anno dei pugni di Delio Rossi e quello di Verratti che milita in B nel Pescara, ma è stato chiamato nella nazionale maggiore per meriti sul campo grazie a uno Zeman il cui nome qualcuno non ha neanche il coraggio di pronunciare. Le vittorie si possono sempre eguagliare, o almeno sperare di farlo, l’onestà no. Ed è proprio questo che manda fuori di testa gli odiatori professionisti dell’allenatore boemo, non certo la sua bacheca.

La Juventus ha vinto il campionato una giornata prima della fine proprio grazie all’Inter che ha battuto seccamente un Milan svagato incomprensibilmente. L’abbiamo celebrata quando tutti gridavano al campionato riaperto, a dimostrazione che frequentare a lungo il calcio (anche solo quello parlato) aiuta a farsi delle opinioni abbastanza vicine al vero. Fastidiose certe sottolineature sulle tre stelle e al fatto che la Juve è nata per esser prima, alle quali Moratti risponderà inserendo sulla maglia dell’Inter le stelle che (presumibilmente) ritiene gli siano state sottratte con metodi non proprio sportivi (associazione a delinquere, fu definita). Ognuno farà come vuole, con escamotage grotteschi tollerati da un Abete equlilibrista e da un Petrucci oltre i confini del ridicolo (le sue non risposte alla Gazzetta sono indegne di un presidente del Coni, per fortuna la sua epoca è finita).

Di Scommettopoli colpisce la tempistica ed il fatto che le squadre maggiori saranno coinvolte solo dopo l’Europeo. Vorrà dire che alcune di queste squadre e anche le altre direttamente interessate per discorsi di classifica, se ne dovranno restare ferme fino ad allora sui temi del mercato e dei rinforzi. Tutto quindi esploderà a luglio e forse il tempo sarà poco per uscire dalla sarabanda con qualche scelta utile alla causa.

La decisione (Decisione? Manca ancora l’ufficialità…) di Moratti di confermare un signor nessuno, con tutto il rispetto per le potenzialità di Stramaccioni che magari fra 5 anni sarà un misto di Mourinho e Guardiola, sulla panchina dell’Inter è solo figlia della sua poca inclinazione alla spesa. Allora tanto valeva ingaggiare Zeman. Non stupisce che i giornalisti di area parlino di ‘progetto’, a meno che il progetto non sia ridimensionarsi continuando a godere di buona stampa. Si sentono nomi accostati all’Inter che fino all’anno scorso transitavano per Catania e la cosa non stupisce nè scandalizza. A Catania si gioca un buon calcio; tanto buono che forse Montella torna in quella Roma da dove venne cacciato l’anno scorso perché secondo qualcuno (cioé i dirigenti tuttora in carica) rappresentava il passato. Siamo curiosi riguardo al futuro giallorosso (qui a Roma lo viviamo minuto per minuto grazie a commentatori radiofonici non sattamente super partes), siamo abbastanza negativi su quello dell’Inter: non per il piazzamento, che magari sarà migliore del sesto posto, ma per le prospettive. A favore dei nerazzurri gioca solo il fatto che dei mitici top player (una volta si chiamavano campioni) dall’estero non ne arriverà nessuno e che quindi le carte si possono rimescolare. Certo che se la Juventus prende un attaccante decente lo scudetto verrà visto non con il binocolo ma con il telescopio.

Sarà ricordato anche come il campionato della reazione di Delio Rossi, raramente un allenatore ha reagito come ha fatto lui alla maleducazione di un suo giocatore (si è dovuti risalire a Tom Rosati). Se un uomo di oltre 50 anni perde la trebisonda in quel modo, dopo decenni di sostituzioni male accettate dal sostituito, qualcosa Liajic dovrà aver fatto. Rossi e molte altre persone sono giunte al punto di non sopportazione, c’è chi ci vede una metafora del momento dell’Italia ma per il momento è solo calcio.

Se ne va Del Piero, espressione del moderatismo pallonaro con profilo stabilmente istituzionale. Un Napolitano della pedata, al quale attualmente preferiamo i Balotelli (se il Milan riuscisse davvero a scambiarlo con Ibrahimovic farebbe un affare pazzesco) e i Totti. Grandissimo giocatore, s’intende, ma non valutiamo i giocatori solo dalle pedate. Insomma, non ci ha mai scaldato ma non si può dire la stessa cose per i tifosi juventini: la sua uscita di scena ha oscurato Andrea Agnelli proprio nel giorno del trionfo. Insieme a Del Piero si ritirano dal calcio italiano buoni professionisti e campioni, tutti insieme. Una generazione va in pensione, ma il mondo va avanti lo stesso. Non ci si può lamentare del poco spazio per i giovani e poi esultare quando il trentacinquenne firma per un altro anno.

Libeccio, 16 maggio 2012

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.2/10 (5 votes cast)
Arrabbiati come Delio Rossi, 5.2 out of 10 based on 5 ratings

29 commenti

  1. Libeccio, ci sono momenti in cui si deve decidere. Per Delpiero si è deciso bene e al momento giusto: 38 da fare, campione d’Italia (forse anche con una Coppa Italia, che fa scena se abbinata allo scudetto) da protagonista part-time. E’ il momento di metterlo in naftalina e farlo rivivere da dirigente tra un paio di anni e di trovare un altro idolo per i tifosi per i prossimi 15 anni (anche per questo comprerei un mostro a costo di rovinarmi e non comprare nessun altro. Chi?).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. “Le vittorie si possono sempre eguagliare, o almeno sperare di farlo, l’onestà no. Ed è proprio questo che manda fuori di testa gli odiatori professionisti”

    OVAZIONE

    “alle quali Moratti risponderà inserendo sulla maglia dell’Inter le stelle che (presumibilmente) ritiene gli siano state sottratte”

    non credo

    “escamotage grotteschi tollerati da un Abete equlilibrista e da un Petrucci oltre i confini del ridicolo”

    bastava aprire bocca all’inaugurazione dello stadio…

    (Decisione? Manca ancora l’ufficialità…)

    Vero e con M. non si può mai dire. Visto il ridimensionamento meglio S. che gli inventori dei codici etici.

    “raramente un allenatore ha reagito come ha fatto lui alla maleducazione di un suo giocatore”

    ok ,ma i testimoni dicono altro. uno dei due mente e dal di fuori non possiamo sapere chi.

    “preferiamo i Balotelli (se il Milan riuscisse davvero a scambiarlo con Ibrahimovic farebbe un affare pazzesco) e i Totti.”

    Concordo su tutta la linea parentesi compresa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Spike, se Moratti non mette la terza stella si gioca la faccia per sempre e non la recupera più…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Dane

    non esprimevo un auspicio (nel 98 avrei messo lo scudo sulle maglie) ma un pronostico. M. non è mai stato incendiario, peccato.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. Ma infatti non me la prendevo con te, dico solo che stavolta ha l’ultima occasione di dimostrare di non essere un palle mosce, cosa che non si dimostra certo facendo l’ombrello in tribuna… 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. spike, no vabbe ma poi ti lamenti dei mario che popolano Indiscreto?!?! Ve li meritate….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. @jeremy:

    Perchè? che ho postato di male? che nel 98 doveva mettere lo scudo?

    Ps: non mi lamento dei mario. se una discussione non m’interessa non partecipo o me ne allontano.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  8. L’onestà come l’onore non si compra o si ha o non si ha. E questo vale per tutto l’articolo

    Campionato mediocre, figlio si della crisi, e dell’incompetenza della maggior parte dei DS…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  9. M

    Sicuri che dare via Ibrahimovic per Balotelli sia un affare pazzesco? Forse il precedente con lo scambio tra Inter e Barcellona del 2009 è fuorviante:
    1) All’Inter arrivò Eto’o e non Balotelli, che avrà dalla sua l’età ma è meno esperto, meno costante, meno sano di mente e meno giocatore di squadra (vedi Eto’o terzino e Balotelli fuori rosa quando furono insieme all’Inter).
    2) La chiave dell’affare allora furono i 46 milioni, con cui rinunciando a Ibrahimovic in cambio del pichichi della Liga l’Inter si comprò anche Milito, Motta e Sneijder (milione più milione meno). Il Milan, che già deve rifare mezza squadra per i vari ritiri e defezioni, probabilmente dovrebbe pure pagare qualcosa al City…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  10. Ma davvero Stramouccioni rimane anche l’anno prossimo?? per me alla fine il prossimo all. nerazzuro sarà Piagnarri.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  11. @MB:
    quoto

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  12. L

    …scelgo un tema, fra i tanti dell’affresco di cui sopra : fra Ibra e Balotelli, c’è un elemento (fra i tanti possibili…)che marca la differenza (che sfugge ai più) : la professionalità che è estrema nel primo, mentre appare piuttosto evanescente nel secondo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  13. c

    Il problema di Ibra è che, probabilemente, è entrato nella fase di carriera nella quale non riesce neanche più a fare il bullo di quartiere. E se Ibra non riesce più a fare forte coi deboli, cosa resta di lui?

    PS: ci fosse stato Ibra nel City all’ultima giornata, era il primo a correre al cesso a farsela sotto, as usual.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  14. spike, si. Non è una questione di postare male, è una questione di avere una forma mentis simile e manco di accorgersene. Comunque ho usato “ti” ma dovevo usare il “vi” come ho scritto dopo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. L

    @cydella:
    a Parma (maggio 2008) non andò così : doppietta con scudo e parma in b…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  16. @jeremy:

    Jer
    Piazzarsi lo scudo sarebbe violare le regole e prendersi le giusta punizione per sollevare lo scandalo. alla pannella (era lui?) che girava col panetto di mariagiovanna e con lo spinello in bocca per farsi arrestare. Questo è diametralmente opposto dal dire non riconosco le tue sentenze.

    Non potendoli denunciare perchè non aveva prove o faceva un gesto di rottura (altra forma, vado in campo con la primavera), o meglio ancora, iscriveva la squadra alla Ligue1. Lui ha assunto Lippi.

    Non c’entra proprio nulla con la terza stella

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  17. @MB:

    Vedo che la sindrome Maicon è ancora diffusa.

    Quanti anni ha Ibra? che ingaggio prende? è ragionevole pensare che non dico l’anno prox ma tra due anni sia ancora così dominante in serie A?

    Queste sono le domande che un dirigente deve farsi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  18. no spike invece la forma mentis è la stessa: Moratti non avrebbe riconosciuto la regolarità del campionato come chi non riconosce l’onestà delle sentenze.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  19. se la juve si mette la terza stella se la condannano se in seguito alla condanna non ricorre al tribunale intergalattico avresti perfettamente ragione.

    perchè quello che intendo è proprio questo:

    non riconosco la regolarità del campionato mi faccio condannare per creare il caso non ricorro al tribunale intergalattico porto la squadra fuori, perchè se non riconosco la regolarità di una lega come faccio a giocarci?

    la juve invece si mette la terza stella (se la mette? la vedo raffeddata vuoi vedere che il premio peracottaro se lo becca gnello?) perchè sa che abbozzano e lei riafferma il suo potere. Diverso perchè il primo iter mira a sottolineare un’ingiustizia per cercare di cambiare le cose, il secondo è un’affermazione di forza.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  20. c

    http://www.leggo.it/sport/calcio/blatter_fa_gli_auguri_alla_juve_complimenti_per_il_28deg_scudetto_/notizie/179252.shtml

    direi che la questione 3° stella è già chiusa prima di cominciare. Blatter e la FIFA se ne sbattono di agnelli e pecoroni vari. O fai come dicono loro, o sei fuori.

    @Luke Holywater: 4 anni fa; anche l’Inter nel maggio 2010 era super e dopo 4 mesi erano cotti. Oggi, nessuno al mondo scambierebbe Ibra per Balotelli.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  21. spike, sarebbero entrambe due prepotenze che sono anni luce da un concetto anche solo lontanamente vicino al buon vivere civile e, in questo caso, allo sport.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  22. m

    Difficile essere d’accordo nemmeno su una riga ma ce l’abbiamo fatta. Zeman è onesto, e allora? Dobbiamo fare la riga infinita degli onesti del calcio, da Bagnoli a Guidolin?
    Parlare di Balotelli e Del Piero nello stesso pensierino (“Non valutiamo i giocatori solo dalle pedate”, forse per questo, delirio) è come avvicinare Teomondo Scrofalo a Picasso, ma così oggi tirava il vento.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  23. M

    @spike: vero che Ibrahimovic in futuro è destinato a rendere sempre meno (che poi…l’anno scorso ha fatto meno di 20 gol, quest’anno 28), ma sta di fatto che ad oggi al Milan fa reparto da solo. Balotelli non ne sono sicuro (tenderei più al no anzi) e se devi dare via Ibrahimovic più soldi per averlo riduci anche i fondi a disposizione per coprire altri ruoli a centrocampo e indifesa che ora sono scoperti. Quindi riuscire a darlo via sarebbe sì un affare, ma anche un investimento…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  24. A

    @cydella: direi che la questione 3° stella è già chiusa prima di cominciare. Blatter e la FIFA se ne sbattono di agnelli e pecoroni vari. O fai come dicono loro, o sei fuori.

    E se stessero aspettando di vedere l’esito della Coppa Italia per giocare sulla 3^ stella d’argento delle 10 coppette vinte?
    Attenzione ai killeraggi contro i partenopei, magari la Lega vuole uscire dalla situazione così (e le parole di DeLaurentis “è stato comunque una grande stagione” sembrano sintomatiche di arresa a priori)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  25. @Andrea

    Dici? No perchè la Juve vincente in CI è data a 1.70, una quota interessante.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  26. L

    @cydella:
    “Oggi, nessuno al mondo scambierebbe Ibra per Balotelli”.

    Questo è un altro discorso …peraltro condivisibile : ma solo per il fattore età

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  27. Ibra oggi ha una sola collocazione possibile oltre il Milan: PSG.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  28. @jeremy:

    posto adatto per lui. Lì fa il superbullo per i prox 5 anni

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  29. certo spike. Anche perchè per quanto mercenario non credo sia ancora il momento di andare all’Anzhi. Anche se Etoo docet…..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento