I Novanta sono i nuovi Ottanta

La nostalgia anni Novanta è già iniziata da tanto tempo, annunciata dalla morte di qualche cantante tossico, e sarà la base dell’industria culturale del prossimo futuro visto che fra poco i nostalgici degli anni Ottanta saranno in coda con il contenitore delle urine in una mano e un mazzo di impegnative del medico nell’altra. È anche per questo che il discreto inizio di ’90 Special’ su Italia 1 (2,285 milioni di telespettatori, share dell’11,74%) era in qualche modo nell’aria, anche se l’ascolto della trasmissione condotta da Nicola Savino è stato dopato dalla lunga ospitata di Fiorello e dal collegamento luganese con un Jovanotti in grande forma, che ha addirittura rivisitato la tremenda sigla del tremendissimo Classe di ferro: chi non ricorda il sergente Scherone interpretato da Adriano Pappalardo? Lo stesso ascolto sarebbe stato impossibile con i soli Bossari, Malgioglio (è dappertutto e non riusciamo a toglierci di testa Mi sono innamorato – sì – ma di tuo marito, che però purtroppo ieri non ha cantato), Ela Weber, Cucuzza ed ospiti come Mietta e le Lollipop, anzi tre Lollipop su cinque, che hanno annunciato il loro ritorno discografico, più Benji e Fede che nei Novanta ci sono giusto nati, come del resto Ivana Mrazova.

Volevamo soltanto condividere un flash che ci è venuto osservando in sequenza gli oggetti, i personaggi, le mode di quel decennio, secondo uno schema peraltro buono per tutti i decenni e che Carlo Conti ha ormai codificato. E il flash è il seguente: i Novanta sono stati degli Ottanta con più possibilità tecnologiche, dai primi cellulari al web, e un mondo meno diviso, ma fondamentalmente sempre anni positivi dal punto di vista culturale e del privato, in un’Italia che godeva ancora di quelle reti di protezione e di quella spesa pubblica fuori controllo di cui stiamo pagando i conti adesso, prima che la BCE (1998) e l’euro (1999) ci richiamassero all’ordine. Anni in cui la televisione generalista, perché di televisione stiamo parlando, modellava gusti e disgusti e degli italiani con evidenti benefici per chi questa televisione la controllava. È quindi chiaro che per gli ex adolescenti, più o meno nostalgici, dei Novanta sia ancora possibile trovare ricordi comuni mediatici diversi da una partita dei Mondiali e ricreare uno spirito di cazzeggio comprensibile più o meno a tutti. Certo lo stesso Jovanotti, personaggio spendibile per quattro decenni, soltanto negli Ottanta avrebbe potuto urlare al pubblico “Mi sono comprato la moto con i vostri soldi e questa è una figata”. Quindi noi rimarremo per sempre negli Ottanta, pur apprezzando le memorie condivise del decennio successivo.

E tu, Uomo Indiscreto, vorresti vivere negli anni Ottanta o nei Novanta?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.5/10 (6 votes cast)
I Novanta sono i nuovi Ottanta, 8.5 out of 10 based on 6 ratings

25 commenti

  1. l

    Già l’incipit mi ha ammazzato dal ridere e ha impedito un approccio semiserio all’articolo.

    Comunque mitici anni 90, gli anni in motorino

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  2. B

    80 per sempre

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  3. U

    Anni 80 senza ombra di dubbio

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  4. M

    Grazie all’imbeccata di Dane relativa al “suo” mito (si scherza eh) Ela Weber ho “girato” anche io su italia 1. Ed ho fatto subito la stessa
    considerazione del direttore visto che quando ero pischellissimo vedevo i miei genitori coi lucciconi quando ascoltavano
    i Pooh o il duetto Mina-Battisti (anche se questo è del 1972) e appunto nel 1987 si rimpiangevano i tempi di vent’anni prima.
    Comunque anche se i miei anni sono i tardi ’90 voto per gli ’80 perchè i ’90 non hanno inventato niente ma vivevano di rendita
    (rinnegarli facendo i maledetti o cavalcarli è comunque vivere di rendita) dal decennio prima.
    Poi sono arrivati gli anni 2000 che fino al 2004 posso definire gli anni più inutili della storia umana.

    Ps: le Lollipop sono delle “intruse” perchè il loro esordio-fine è datato 2001.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  5. C

    Negli anni ’90 ho conosciuto mia moglie e mi sono sposato. Cosa potrei aver mai votato?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 10 votes)
  6. U

    Negli anni ’90 ho conosciuto mia moglie e mi sono sposato. Cosa potrei aver mai votato?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +31 (from 39 votes)
  7. j

    80 forever pur essendo i 90 gli anni della mia adolescenza.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  8. C

    Chi mi spiega gli attuali “più 8” a gobbo e lo “zero” all’antecedente commento d’ispirazione?
    Grazie in anticipo a chi mi erudirà

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 9 votes)
  9. m

    Perché l’uomo indiscreto rifugge dal matrimonio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  10. M

    Il suo era scritto meglio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 15 votes)
  11. F

    cecco e’ sempre così ….c’è chi fa l’assist e chi la mette dentro a porta vuota
    Rivera vs Inzaghi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +10 (from 12 votes)
  12. m

    Io voto gli anni 80, ma credo che per tutti gli anni migliori siano quelli dell’adoscelenza, anni spensierati con il futuro spalancato.
    Io negli anni 90 ero già vecchio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  13. Ho vissuto a cavallo tra i due decenni e quindi posso giudicare equamente.
    Gli anni 80 sono stati più vergini, ma proprio per quello anche più eccessivi. Gli anni 90 sono stati degli anni 80 riveduti e corretti, quindi non solo più tecnologici ma anche più profondi, razionali e “intelligenti” in senso lato (la stupidera anni 80 è irritante, rivista a distanza di anni).
    Lo dico a malincuore da paninaro nostalgico anni 80 iscritto a 7 gruppi paninari diversi su Facebook (Direttore, vasetto delle urine sto cazzo!…), ma se da una parte rimpiango il positivismo della filosofia anni 80 non si può non ammettere come sia irrazionale pensare di riproporla in toto (chi pensa di andare in piazza del Duomo in macchina e parcheggiarci non è un liberale, è un coglione…).
    Gli anni 90 sono stati un’evoluzione, come il Jazz per il Blues, e degli anni 80 conservano buona parte dei pregi senza i difetti.
    Per quanto riguarda la trasmissione, una tristezza unica, come tutte le produzioni tv omologhe. Spiace per l’amico Nicola ma mi sono vergognato per lui, a vederlo fare il Red Ronnie da “una rotonda sul mare”. Tra Jovanotti (che avendo deciso da anni di recitare la parte del guru cheguevarista glissava imbarazzato su Classe di Ferro…) ed Ela Weber (in versione crucca chilometrata che ha perso gli argini e sta insieme con lo scotch dopo aver fatto da nave scuola a mezza Romagna…) ho avuto un moto di pena, e fortuna che ho seguito a sprazzi nello zapping compulsivo.
    Ecco, qui affiora il mio background da paninaro anni 80, che i veri paninari (quelli del Bar Panino, non i paninaretti del sabato pomeriggio da Burghy in San Babila) si portano dentro a vita: vivere il presente senza complessi per il passato e senza angosce per il futuro.
    Vivete di nostalgie perché siete vecchi. Soprattutto dentro…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 18 votes)
  14. G

    Anni ’90, perchè sono quelli della mia adolescenza e dell’universita’, di Nevermind e di Pulp Fiction.

    Però concordo con Dane che bisogna vivere il presente. Personalmente non sono, per fortuna, un ‘nostalgico’, e sto vivendo molto bene I miei 40 e passa anni negli anni 2000. Anche se devo ammettere che due delle mie grandi passioni, musica e calcio, oggi rispetto a oltre vent’anni fa fanno cagare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  15. t

    Bella e condivisibile l analisi di dane con i novanta versione 2.0, con il secondo decennio che ha innalzato i lati forti e attenuato i difetti del primo, degli ottanta
    Ps; devo fare pero una precisazione, relativa al muro del calcio, a dane. L articolo in questione viene venduto all ikea come Kömösårry, che quell.altra o noi non la usiamo e la lasciamo ai cugini di campagna (i norvegesi) e ai parlanti di una lingua incomprensibile e dai suoni assurdi (i danesi) 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  16. l

    Dane noi in Piazza Duomo parcheggiavamo ancora tranquillamente fino al 2002 🙂

    Ho votato ovviamente anni 90, ma la filmografia anni 80, con la quale siamo cresciuti noi nati nei primissimi 80, è, credo, insuperabile.
    Dai goonies a war games, da et ai gremlins, da grosso guaio a Chinatown a Conan, da rambo a Rocky, da navigator a corto circuito, da commando a trappola di cristallo. Titoli irripetibili e irripetuti. 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  17. U

    Nel frattempo piu 16 ( sedici eh)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  18. C

    Meccanismi mediasociologici

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -4 (from 6 votes)
  19. Tiziamal, parlo 6 lingue ed una peggio dell’altra, figurati i danni che posso fare maneggiando la settima! Quindi mi prendono la bacchettata e corro dietro la lavagna… 😛

    Leo, come spirito si, tecnicamente è meglio la produzione anni 90 che però per forza di cose come dicevo è meno spensierata… 😉

    Gobbo, eh niente, non si accorgono del passare del tempo….ma forse si riferiva a Prato… 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -8 (from 8 votes)
  20. Meno Uno è un cinese di Prato della prima generazione che va in giro coi pantaloni a zampa ed avendo tutti i VHS di Happy Days sogna di andare in Cadillac in piazza del Duomo per parcheggiare fuori da Burghy…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -7 (from 7 votes)
  21. C

    Leggo +22
    Gobbo, quanto avevamo pattuito per le royalties?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 3 votes)
  22. U

    Si palesi chi ha osato sporcarmi il percorso netto….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  23. m

    Secondo me meno uno si è accorto adesso dei due messaggi uguali ed ha voluto premiarti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  24. j

    Meno uno non capisce davvero un cazzo diobono

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  25. U

    Più 28

    Dicansi V E N T O T T O

    Meno Uno Vergognati

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi