MasterChef Italia 7, il declino dopo Cracco

La settima edizione di MasterChef Italia ha molto risentito dell’addio di Cracco, gli ascolti della trasmissione trasmessa da Sky parlano chiaro: l’anno scorso alla quarta puntata si era raggiunto il 5,20% di share (il record ovviamente in quella finale, con un notevole 7%) mentre quest’anno la terza e la quarta puntata, mandate in onda ieri sera, e da noi fedelmente seguite, hanno fatto il 3,7. Messi tutti gli asterischi del caso, primo fra tutti che la modalità di visione degli eventi di Sky (fra +1, On Demand, eccetera) è diversa da quella della triste fiction di Rai Uno, anch’essa finanziata da un abbonamento (sempre bene ricordarlo), è indubbio che la trasmissione abbia imboccato la parabola discendente e la colpa non è certo di Antonia Klugmann, che sembra anzi la presenza più vitale e severa in un contesto che in questa stagione punta nettamente più sul caso umano e sulle macchiette che sull’aspirante professionista, magari velleitario ma comunque ambizioso.

Buona parte dei venti usciti dalle selezioni è infatti al livello del cucinare per gli amici, prima di tutto come atteggiamento: si staccano dal gruppo, a prima vista, Alberto, micologo di Tortona e Francesco, studente di Ticengo (Cremona), forse anche il musicista José che pare avere idee non banali, mentre gli altri sembrano quasi tutti caratteristi scelti, giustamente visto che siamo in tivù, per l’ascolto. Dall’interprete giapponese Eri al ruspante trasportatore Fabrizio, dal quasi cartone animato Manuela alla supercasalinga Tiziana, dal pilota marpione Italo al macellaio siciliano Antonino. Il discorso sui concorrenti non è secondario, perché se in trasmissioni tipo X-Factor tutto è centrato sui giudici e le loro strategie, al punto che a nessuno realmente importa di chi canta, in MasterChef era stato raggiunto un buon equilibrio fra stelle con un ego ipertrofico (e di sicuro ha dato più Cracco alla cucina di Manuel Agnelli alla musica) e dilettanti desiderosi di raggiungere il loro livello.

Tengono vivo il ritmo di una trasmissione comunque iper-montata (imbarazzanti i tentativi di diretta del passato) e sceneggiata la citata Klugmann e le battute politicamente scorrette di Bastianich, mentre Cannavacciuolo e Barbieri sembrano patire il nuovo corso del genere pomeriggio di Canale 5. Non è detto che sia una strada sbagliata, perché è vero che la scorsa stagione fu quella dei record, ma nelle prime cinque all’inizio si era stati ben sotto al livello attuale. Insomma, il caso umano può piacere a chi non frequenta ristoranti stellati: non è strampalato ritenere che sia la maggioranza anche degli abbonati di Sky, il famoso target alto. Al momento l’unica cosa certa è che Cracco si è ritirato al momento giusto.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.5/10 (6 votes cast)
MasterChef Italia 7, il declino dopo Cracco, 8.5 out of 10 based on 6 ratings

6 commenti

  1. I

    – ha lasciato alla Budrieri, al top

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  2. m

    ” di sicuro ha dato più Cracco alla cucina di Manuel Agnelli alla musica” Vero.
    Sul target alto chissà, proprio Masterchef ha avvicinato l’impiegato della Tuboplast al ristorante stellato, risparmiando sullo stipendio, se Tosoni paga, giusto per un paio di foto da mettere su instagram e geotaggarsi da Cracco.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  3. E

    “La settima edizione di MasterChef Italia ha molto risentito dell’addio di Cracco, gli ascolti della trasmissione trasmessa da Sky parlano chiaro”

    Curioso perchè Cracco è quello che televisivamente rendeva meno, al limite dello stucchevole. Altra verve, per dire, da parte del più frizzante Barbieri e del mostro guastatore Bastianich (discorso a parte per Cannavacciuolo, il più televisivo di tutti ma in questo format non suo ingabbiato dagli schemi del mister, un po’ come accadde a Franco Rossi a Controcampo…).

    “la colpa non è certo di Antonia Klugmann, che sembra anzi la presenza più vitale e severa in un contesto che in questa stagione punta nettamente più sul caso umano e sulle macchiette che sull’aspirante professionista, magari velleitario ma comunque ambizioso”

    In realtà la natura di reality e talent-show è esattamente quella (quelli della De Filippi sono vomitevoli in questo senso…) e Master Chef non ha mai fatto eccezione (basti vedere chi di volta in volta vince, l’anno scorso uno da cui credo nessuna ragazza si farebbe invitare a cena…) anche prima dello sbraco totale di questa stagione…

    ” in MasterChef era stato raggiunto un buon equilibrio fra stelle con un ego ipertrofico (e di sicuro ha dato più Cracco alla cucina di Manuel Agnelli alla musica)”

    Il mio modello resta Cannavacciuolo de “Cucine da incubo”: “Basta atteggiarsi ad artisti! Il nostro mestiere è fare da mangiare!!!…” Idolo!…

    “Al momento l’unica cosa certa è che Cracco si è ritirato al momento giusto.”

    O magari “l’hanno fatto ritirare” perchè inadatto al nuovo corso…

    “Sul target alto chissà, proprio Masterchef ha avvicinato l’impiegato della Tuboplast al ristorante stellato”

    O magari ha avvicinato i ristoranti stellati all’impiegato della Tuboplast, coi risultati nefasti che osserviamo tutti i giorni…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 10 votes)
  4. U

    Dopo Naponi Masterchef non ha piu ragione di esistere

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  5. M

    Quando ero al liceo eravamo in 1200 e all’alberghiero erano un centinaio. Ora ho chiesto a mio cuginetto e mi ha detto
    che all’alberghiero ci sono circa 500 iscritti. Il nuovo sogno è cucinare e servire ai tavoli ed uscirne con addosso quel caratteristico e tanto amato odore di pasta con le sarde. Mia zia Peppina fosse nata 30 anni dopo sarebbe stata famosissima. Però il generale calo degli ascolti dei programi di culi in aria si potrebbe spiegare col fatto che forse
    l’interesse per osti e cuochi sta scendendo al livello che gli è naturale e cioè in un seminterrato a cucinare. E non si può che essere felici
    di questa cosa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 15 votes)

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi