Le Roi, ascesa e declino di Michel Platini

Forse l’abbiamo già scritto, ma siccome non ci ricordiamo cosa abbiamo scritto due giorni fa lo riscriviamo: Michel Platini è stato il nostro calciatore preferito, a prescindere dalla sua collocazione strettamente sportiva in una classifica all time, dove comunque ha diritto di cittadinanza non troppo distante dalla vetta. Lo abbiamo amato al punto di non tifare contro la sua Juventus, malattia poi passata una volta che partito Michel sono rimasti il mondo FIAT e i suoi leccapiedi, non necessariamente dipendenti (basta un cinque alto o un’auto in uso gratuito), mediatici. Tutto questo per dire che da italiani pensiamo di avere capito il significato di Le Roi – Gloria e onta di Michel Platini, la biografia scritta da Jean-Philppe Leclaire ed in Italia edita da 66thand2nd, almeno quanto un francese. Leclaire è per età il classico ragazzo cresciuto nel mito di Platini e dei suoi tre Mondiali, oltre che del vittorioso Europeo casalingo del 1984, ma è riuscito nell’impresa di scrivere una biografia che potremmo definire adulta, che arriva fino ai giorni nostri: quelli di Platini squalificato e a 62 anni politicamente fatto fuori dalla FIFA, dalla UEFA, da tutto. Con in più qualche problema di salute, già emerso con il collasso durante il Mondiale sudafricano.

Si respira Francia in ogni pagina, ma l’impostazione è molto americana. Poca poesia e tante testimonianze dirette, ricerche, verifiche, riducendo al minimo il già visto e già sentito. In questo Leclaire è stato facilitato dall’avere già trattato abbondantemente il Platini calciatore in un altro libro anche se questo aspetto in Le Roi non manca, in proporzione dando più spazio agli anni francesi che ai cinque nella Juventus, fatta eccezione per il peso avuto dell’Heysel nella prematura fine della sua carriera, a 32 anni. Certo non ci sono le descrizioni delle sue prodezze, ma il racconto della sua formazione e della sua evoluzione umana è avvolgente e coinvolgente. Figlio di un ottimo calciatore dilettante, Aldo, Michel ha una crescita graduale nella Lorena degli anni Sessanta e respira molto di quel calcio operaio, semiprofessionistico di nome e di fatto, che nella provincia francese è arrivato quasi ai giorni nostri. Fin da subito mostra alcune sue caratteristiche eterne: un carisma che mette in soggezione compagni e avversari, un’intelligenza che gli fa ritenere di troppo la cultura, un nobile disinteresse per i soldi che considera più una misura del proprio valore che un qualcosa da accumulare, una grande timidezza che diventa eccesso di sicurezza, un gusto feroce per la battuta per marcare il territorio, che al di fuori della cerchia dei fedelissimi gli procurerà non poche grane.

L’autore di Platoche. Gloire et deboires d’un héros français (è il titolo originale, del resto in Francia Platini è Platoche)giornalista adesso dell’Equipe Magazine, ha parlato con quasi tutti i conoscenti di Platini, ma non con il protagonista pur avendolo intervistato in passato in occasioni extralibro. Lui non ha ritenuto opportuno far conoscere la sua versione dei fatti, ma nemmeno ha ostacolato i testimoni contattati da Leclaire, soprattutto per raccontare la carriera dirigenziale di Platini. E così si può dire che questo libro non è scritto sotto dettatura, ma nemmeno con il gusto di gettare fango su un mito: a provarlo anche la mano leggera nel parlare del rapporto con la moglie Christelle (con poche allusioni sul suo rapporto con Larios, di cui lo stesso Larios ha parlato apertamente nella sua autobiografia) e con i figli, in particolare Laurent. Platini è sempre stato abile nel non schierarsi politicamente e rimbalzare fra amicizie socialiste e golliste: capito subito di non avere la voglia di allenare e quindi farsi mettere in discussione (anche se il suo periodo alla guida della Francia va rivalutato) nei bar, sarebbe diventato ottimo organizzatore del Mondiale 1998 e poi mente calcistica del primo periodo di Blatter presidente FIFA, né più ne meno ciò che Boban è oggi per Infantino. È il periodo della famosa consulenza, regolarmente fatturata e denunciata al fisco, ma pagata con un decennio di ritardo con tempistica sospetta, che avrebbe portato Platini alla fine politica. Anche se il vero sbaglio è stato quello di dar retta alla ragion di Stato (francese) dando ascolto a Sarkozy e sostenendo quindi la candidatura di Qatar 2022, facendo saltare l’idea furba di Blatter (Russia 2018 e poi Usa 2022), scatenando le indagini e la rabbia degli americani contro lo stesso Blatter e le decine di dirigenti che controllava collocandoli in qualcuna delle mille commissioni della FIFA.

La parte politica è decisamente la più interessante del libro, con tutte le contraddizioni di Platini, che da presidente UEFA ha tante buone idee, disinnesca superleghe e G14 vari con la riforma della Champions, allarga l’Europeo facendone un mini mondiale e infine prova a fare il salto alla FIFA senza esserne pienamente convinto. Il pensiero di fare il Blatter, costretto a omaggiare il dittatore di un’isoletta per avere il suo voto, gli dà il voltastomaco: lui è Platini, non uno che deve chiedere. Un gioco troppo grosso, la FIFA, per chi con il denaro ha sempre avuto un rapporto allegro: non tanto per i pagamenti in nero, che il 90% dei calciatori ha percepito (e comunque lo scandalo Saint-Etienne fece epoca, con grane giudiziarie di cui Platini si sarebbe liberato a fatica), quanto per l’amministrazione degli stessi. Dai disastri come imprenditore dell’abbigliamento al quasi totale disinteresse, alla UEFA e alla FIFA, per le questioni di ‘macchina’ che lo annoiavano e probabilmente nemmeno capiva, Platini fino alla fine ha creduto che bastasse il suo nome per mettere soggezione agli avversari. Un meccanismo che ha funzionato finché in qualche modo era la ‘gente’ a giudicare, ma che alla fine ha premiato i migliori conoscitori della macchina. Molto interessanti le pagine su Infantino, che poco a poco diventa non soltanto il suo consulente giuridico ma l’uomo che materialmente tesse le alleanze e fa i viaggi che Platini si annoia a fare: e così da candidato di bandiera si trasforma in un presidente FIFA che non sarà tanto facile rovesciare, visto il confronto con il predecessore, curiosamente (ma nemmeno troppo) nato a 10 chilometri di distanza. La prefazione, davvero strepitosa, è di Giampaolo Ormezzano, ed il finale è giustamente aperto perché gli anni di Platini sono 62 e chi è abituato a vincere vuole in definitiva sempre vincere. Alla fine delle 450 pagine il mito è un po’ meno mito, fra familismo e piccolezze da comuni mortali, ma proprio per questo ne esce rafforzato: il nucleo di base di Platini, quello in cui tutto vogliamo credere anche nella mezza età, è buono. Dal punto di vista storico rimane il fatto che Platini non è stato l’unico campione a diventare un bravo dirigente, ma è senz’altro stato l’unico ad andare vicinissimo al potere vero, quello paragonabile al presidente di una nazione importante.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.8/10 (8 votes cast)
Le Roi, ascesa e declino di Michel Platini, 7.8 out of 10 based on 8 ratings

22 commenti

  1. j

    Arrivo a dire che nella famosa squadra dell’oratorio tra lui e maradona avrei preso lui. Nel suo periodo d’oro faceva letteralmente quello che voleva, chi dice che maradona ha vinto mexico 86 con 10 scappati di casa si rilegga la formazione della francia campione d’europa e il suo score personale. E avrebbe potuto essere neroazzurro…. (ma forse no..)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 11 votes)
  2. “Platini a Maradona gli portava la borsa, dai…” (cit.)

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 9 votes)
  3. Jeff
    Devo polemizzare
    La Francia di quei quattro anni li aveva signor giocatori dai
    Fernandez tigana girasse e Platini a livello di centrocampo erano inferiori al solo brasile 82

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  4. Giresse, non è un congiuntivo… 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
  5. M

    Concordo
    Giresse:Platini=Neeskens:Cruyff

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  6. Beh, non esageriamo… 😛
    Giresse era un gran bel giocatore (il mio preferito di quella Francia) ma Neeskens era un fuoriclasse…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  7. A me piaceva tanto anche tigana é…Fernandez era lo sgobbone del centrocampo ma anche lui un signor giocatore
    Poi avevano anche dei bei giocatori dietro nel quadriennio , segnalo tresor che però era già vecchietto nell’82 e amoros che per me era un signor terzino

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  8. z

    Perché Platini in Francia e’ platoche? Da cosa deriva questo nomignolo?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  9. I francesi usano il suffisso ‘oche’ per storpiare parole di uso comune, quindi Platoche (mia deduzione, perché il libro non lo spiega e Platini ha sempre detto che Platoche era lui bambino) probabilmente sta a significare in senso molto lato ‘Platini uno di noi’

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  10. Non so chi sia l’autore, ma la desinenza in “oche” per i francesi suona un po’ come quella in “accio” per gli italiani ma senza intenti dispregiativi se non ironici, o come in “ito” per gli ispanici.
    È usato per indicare elementi particolarmente popolari e quotidiani (come una pietanza tradizionale o uno strumento regionale d’uso comune, per dire), quando utilizzata per dei cognomi è per segnalarne la popolarità e la vicinanza come per esempio per un personaggio televisivo.
    Un po’ come se gli italiani dicessero Baudaccio per segnalare la familiarità con un personaggio entrato per decenni nelle case degli italiani (un modo dire spesso usato da Benigni nei suoi sketch, per esempio) o come quando gli argentini fecero diventare Rossi Pablito (perché Pablito lo divenne nel 78, non nell’82…).
    Platini è per i francesi Platoche da sempre, a mia memoria da quando segnò la doppia punizione a Zoff, ma non so esattamente da quando cominciò e per iniziativa di chi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 9 votes)
  11. z

    Grazie per le spiegazioni

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  12. Figurati! 😉

    QUESTO

    È

    IN
    DI
    SCRE
    TO
    !!! 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  13. G

    450 pagine per la biografia di Platini??!!!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  14. Poche?!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  15. m

    Sai che l’ho letto in francese?
    Mi sono chiesto “tasca cosa”?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  16. Muoio!!! 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  17. U

    Direi un piu equo
    Giresse:platini = cabrini:ghoulam
    🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  18. A

    Bella la copertina italiana. Meglio di quella francese, con una banale fotografia:

    https://www.amazon.fr/Platoche-gloire-d%C3%A9boires-h%C3%A9ros-fran%C3%A7ais/dp/2081384043

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  19. La copertina italiana è più bella anche perché in quella camminata perfettamente ritratta c’è tutto l’essere Platini, come uomo e come giocatore.
    Però, visto il senso del libro, la foto di quella francese è ancora più indicata…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  20. C

    Lo scambio Gatto-Dane ai livelli di un servizio Becker-risposta Edberg.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  21. G

    Grazie per la segnalazione, mi sa che me lo regalo per Natale. Nessuno me l’ha chiesto, ma ve lo dico lo stesso: io stravedevo per Bruno Bellone.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  22. P

    Sul caso Platini Larios ricordo un coro (probabilmente sentito a Milano) “Aiuto aiuto in campo c’è un cornuto è vero è vero è il dieci bianconero”.. Curiosamente è lo stesso coro che andava in voga nei palazzetti di basket all’indirizzo del capitano della Virtus: qui ci si riferiva all’affaire che coinvolse il portiere di belle speranze della stessa città e si concluse con l’intervento del compagno “granitico come un passo alpino” e l’esodo forzato del reprobo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi