iPhone X, perché è giusto pagarlo 1359 euro

È il giorno dell’uscita dell’iPhone X e per non saperlo bisogna davvero vivere in una grotta, senza nemmeno il Televideo. Fra l’entusiasmo infantile per un nuovo giocattolo per adulti medio borghesi e lo snobismo no logo di chi rimpiange il telefono a muro magari con il duplex ci sono poche posizioni intermedie e fra queste troviamo che le più tristi siano quelle di chi vuole dimostrare la superiorità tecnica, a parità di prezzo o anche con prezzo inferiore, dei telefoni di altre marche. Senz’altro sarà così, ma è come voler fare confronti fra i pantaloni di Armani e quelli dell’Upim: in certi casi sono anche meglio quelli dell’Upim, ma non è per la qualità dei tessuti che il cliente di Armani va da Armani. Senza contare poi il fatto che chi è già nel mondo Apple, anche da semplice utilizzatore finale non fanatico (è pur sempre uno strumento), trova più facile rimanervi che cambiare: la vita è già così complicata, perché aggiungere complicazioni? Fra l’altro la componente brand è in percentuale molto meno presente nell’iPhone che nelle nostre scarpe o nel nostro divano. Prendiamo l’iPhone X più caro, quello con 256 gigabyte di memoria: può essere nostro con 1.359 euro, senza addentrarci nelle varie offerte TIM, Vodafone, Wind, eccetera e osservando che comunque quello con 64 GB viene via con un comunque pesante 1.189 euro: più di 2 milioni delle vecchie lire che ci ricordano la soglia dei 2 miliardi di Beppe Savoldi. La stima dei costi industriali per singolo pezzo è stata stimata in circa 600 dollari, al cambio di oggi 515 euro. In pratica il 40% dei 1.389 pagati dal consumatore finale, da cui vanno tolti IVA e margini dei vari anelli della distribuzione. La differenza con il pallone da 25 euro che ha costi industriali di un euro o anche con un normale libro (mai si va sopra il 10%) è evidente. In pratica nel vituperato iPhone c’è una componente old economy molto più forte rispetto a produzioni tradizionali. Detto questo, il prezzo giusto è sempre il prezzo che si è disposti a pagare: per noi è normale puntare 100 euro a botta sul Volendam o sul Mouscron, per un’altra persona anche un euro darebbe più ansia che piacere. Conclusione? Non compreremo l’iPhone X, ma meno male che si produce ancora qualcosa.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.3/10 (8 votes cast)
iPhone X, perché è giusto pagarlo 1359 euro, 5.3 out of 10 based on 8 ratings

12 commenti

  1. B

    a 20 euro al mese con la 3 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. A

    Azz, per quanti mesi? 100?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  3. l

    Chi li fornisce i dati sul costo di produzione?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Sono stime, dal WSJ a Fortune, costruite a partire dal prezzo di mercato dei componenti (tipo 80 dollari per lo schermo Samsung) e con lievi differenze per quanto riguarda il costo del lavoro

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. l

    Boh, mi sembrano abbastanza inverosimili.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  6. Percentualmente assurdi, se stessimo parlando di un qualsiasi altro prodotto, anche di marca, soggetto alle incertezze sul comportamento del consumatore. Ma essendo tutto venduto in preordine e con magazzino ridotto al minimo anche un margine di un euro sarebbe interessante. Se avessi la certezza che ogni mio libro producesse un centesimo di margine avrei risolto ogni problema.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  7. G

    Ci sono inclusi anche i costi di R&D o sono strettamente solo i costi delle componenti+manodopera?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  8. M

    Nel prezzo sono compresi anche i costi del ricorso in Vaticano per farsi riammettere all’interno della Chiesa cattolica qualora se ne dovesse essere estromessi ,per ovvi motivi, in caso di caduta dell’Iphone nuovo di pacca.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +25 (from 27 votes)
  9. N

    Non ho letto l’articolo e da dove provengano le stime, ma in genere si parla di BOM cost (Bill of material – https://en.wikipedia.org/wiki/Bill_of_materials) e questo non include le spese di R&D. La ditta per cui lavoravo prima, nei periodi d’oro, aveva un margine molto simile.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  10. G

    Da ignorante totale quindi credo che il vero affare lo faccia Samsung vendendo ad Apple per ottanta dollari gli schermi touch…quanto sarà il costo di produZione di quelli se il cinese sotto casa me lo fa pagare 40 euro??

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  11. A

    Ah lo schermo è Samsung? Roba che fa pensare che le guerre di religione tra ut(o)enti sono manovrate dalle multinazionali a loro uso e vantaggio.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  12. Il costo di produzione di 600€ è in realtà una buffonata, a partire dagli 80€ dello schermo touch di Samsung (che tra l’altro terzializza presso un’azienda di Taiwan che per 80€ ti vende un crono-tablet customizzato che monta lo stesso schermo…
    A proposito di snobismo, i più critici nei confronti degli iPhone guarda caso sono i più vecchi utilizzatori del marchio Apple, che spesso e volentieri usano device Apple per tutto tranne che per la scelta dello Smartphone (del resto, basta provare a scaricare una foto dall’ iMac all’iPhone o un file dati (Word, Excel, PDF, etc, non foto insomma) dall’iPhone all’iMac per essere vittime di un esaurimento nervoso.
    La verità è che costa così perché è un device sovradimensionato venduto a cretini che non ne sfrutteranno più del 10% del potenziale (non solo perché non ne sono capaci ma anche e soprattutto perché lo ignorano: l’80% degli acquirenti non ha altri dispositivi Apple e se li ha non ha neanche impostato la sincronizzazione) ma che lo compreranno perché fa figo e perché il battage li ha convinti che se non ce l’hai sei uno sfigato.
    Ecco cosa trovano gli acquirenti in Apple, io l’avrei venduto a 2000€…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 14 votes)
Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi