David Gilmour Live at Pompeii, il passato vince ancora

Un lavoro impiegatizio riguardante Euro 2016 ci aveva tenuto lontani dai due concerti di David Gilmour il 7 e l’8 luglio a Pompei e così ci siamo illusi di rimediare andando al cinema per la tre giorni (13-14-15 settembre) del film di David Elder che dovrebbe lanciare il dvd David Gilmour Live at Pompeii. Stiamo parlando di un’operazione dichiaratamente commerciale, fatta per noi tossici, che sfrutta il leggendario concerto nell’anfiteatro romano che i Pink Floyd tennero nel 1971 a beneficio di… nessuno. Non erano ancora arrivati i dischi più famosi del gruppo che Rolling Stone ha ridicolmente collocato al cinquantunesimo posto nella classifica pop-rock di tutti i tempi, quindi le canzoni sono quasi totalmente diverse (è rimasta solo One of these days) dalla prima volta. Qui il pubblico ha pagato quasi 400 euro a biglietto, ma è solo cronaca, senza demagogia sul caro-biglietti, perché se ci fosse una proporzione un concerto di Fabri Fibra o di Ghali dovrebbe costare un millesimo di centesimo di euro, mentre così (giustamente, tutti devono vivere) non è.

Ma purtroppo a Pompei non c’eravamo e così commentiamo solo il film, che abbiamo visto venerdì scorso in un cinema meno deserto del previsto e trovato abbastanza piatto, anche accettando l’ortodossia dei documentari sui concerti dove tutti sono grandi musicisti, tutti una grande famiglia, tutti si sorridono. Certo è che Gilmour dei Pink Floyd ha sempre rappresentato lo stile e l’anima, mentre Roger Waters era il genio, su Indiscreto se ne è già discusso. Solo che lo stile rimane, mentre il genio può materializzarsi solo in condizioni particolarissime: per questo si può dire che Gilmour sia invecchiato meglio, fra le messe cantate del periodo Pink Floyd e i suoi più che ascoltabili dischi da solista.

Ovviamente non ci poteva essere la magia del 1971, quando tutto fu improvvisato dopo un’idea venuta al regista Adrian Maben ed un permesso lampo ottenuto dalla Soprintendenza archeologica. Riprese dal 4 al 7 ottobre, niente pubblico e un grosso problema: l’elettricità che veniva e soprattutto andava. La prima soluzione fu sfruttare l’impianto di una chiesa di Pompei, con un cavo chilometrico posato e curato da volontari. Non funzionò e così l’allacciamento venne fatto con il Municipio… La genesi del documentario, uscito tre anni dopo, fu travagliata perché parte del girato venne persa e anche la qualità audio delle registrazioni era pessima, fatta eccezione per A Saurceful of Secrets e One of These Days. Ne sarebbero nate diverse versioni, fra cui una (quella che si vide nei cinema) con aggiunte girate in altri luoghi e parte del making di The Dark Side of the Moon, tutte con quella magia che nel 2016 Gilmour è stato in grado di restituire solo in minima parte.

Fra l’altro nel 1971 l’assenza di pubblico era assolutamente funzionale all’idea, che era quella di contrapporsi alle grandi adunate tipo Woodstock e ad una certa retorica cazzoduristica del megaconcerto arrivata fino ai giorni nostri e cavalcata anche dai Pink Floyd (‘Eravamo a Venezia’ suona un po’ come ‘Eravamo a Milan-Cavese’, ma nel nostro caso sono vere entrambe le cose) della maturità e del declino post-Waters. Non a caso il gruppo era molto amato da Antonioni, che al di là dei litigi successivi (scartò quasi tutte le canzoni proposte, compresa quella che sarebbe diventata Us and Them) lo aveva scelto per tutta la colonna sonora di Zabriskie Point. E quindi? Il tocco ma anche la voce di Gilmour ci commuovono sempre e non è uno scandalo citare un grande passato, soprattutto quando è il proprio. Purtroppo però è il passato.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.8/10 (5 votes cast)
David Gilmour Live at Pompeii, il passato vince ancora, 9.8 out of 10 based on 5 ratings

5 commenti

  1. s

    mai ritornare in un posto dove si è stati bene

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 6 votes)
  2. B

    chi è stato a Pompei l’anno scorso ne parla come un evento fantastico. 400 euro benedetti per chi ci tiene davvero.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  3. P

    Da super tossico c’ero, sia li sia a Roma sia a Verona (e ho già il dito sul grilletto per la tournee europea di Waters in vendita da venerdì). Ho visto il film solo venerdì per impegni di lavoro (direttore io ero all’Odeon spettacolo delle 19.30) ho comunque già prenotato il Blue Ray… due riflessioni. La prima è che è mancata ovviamente la magia del concerto ma credo che da un docufilm così si possa apprezzare meglio (vivisezionare quasi) che dono del dio della chitarra sia David Gilmour all’umanità. Ne avevamo già parlato, tutta la setlist (che nel film è ridotta a meno di due terzi di quella del concerto) è fatta per esaltare al massimo il suo genio chitarristico… davvero meraviglioso e senza i rompicoglioni con cellulare nella destra e ipad nella sinistra (giuro successo a Roma e quasi scattava la rissa) che ti impallano tutto per portare a casa uno spezzone ciancicato perdendosi tutta la magia di uno show live.
    La seconda riguarda Rick Wright, nella discussione dell’altra volta si era dubitato dell’interesse o della spontaneità di certi sentimenti di Gilmour nei confronti del grande tastierista scomparso. Direi che certe citazioni gratuite con gli occhi lucidi nel film non lasciano dubbi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 10 votes)
  4. M

    Belli bellissimi , bravi bravissimi ma…rimando e ribadisco (a) quanto detto sul Muro del calcio
    qualche settimana fa quando facevo il paragone tra una certa cosa e l’assolo di Comfortably Numb…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  5. E

    Ho visto il film qualche giorno fa nella multisala della mia città, che per l’occasione ha più che raddoppiato il prezzo del biglietto di ingresso (“evento speciale”, ha specificato la gentile cassiera), ma questo è un altro discorso. La sequenza The Great Gig in the Sky (scritta da Wright), A Boat Lies Waiting (dedicata a Wright) e Wish You Were Here (il ricordo di Barrett) mi è sembrata perfetta per richiamare alla mente quello che Gilmour diceva nel documentario introduttivo sulla presenza dei “fantasmi”.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi