Te li do io i delfini

Egregio Direttore, io, Erminio Ottone, chiamato in causa più volte con una punta di sarcasmo nella Sua rubrica e in un recente articolo pubblicato su Indiscreto, intendo chiarire la mia posizione e ricordare la mia presenza, sebbene più discreta rispetto a qualche anno fa (ma non era proprio Lei un seguace del ‘Less is more’?), sulla scena delle notti milanesi e mykoniane.

Prima di tutto, mi preme rintuzzare gli attacchi ricevuti per aver postato su Facebook (social network su cui sono francamente poco presente) il video di un branco di delfini che accompagnano la mia barca a vela per qualche minuto. In realtá la barca non è mia, certo avrei potuto comprarmela se non avessi speso 25 anni della mia vita facendo happy hour con Antropiovra e facendomi derubare da faccendieri di ogni tipo. Constatato proprio in vacanza che il culto della personalitá e dell’io ha ormai preso il sopravvento sotto forma di selfie (“IO al tramonto”, “IO con l’orso polare”, “IO e l’aurora boreale”, “IO e un vecchietto argentino alla finestra che si fa chiamare Francesco”, “IO con un micofono in mano perchè vado in TV e conosco i calciatori”), ho voluto ribadire come a volte i protagonisti possano essere uno spettacolo inaspettato o una meraviglia della natura. Non a caso, il video è accompagnato dal post “voi fatevi pure i selfie”.

Al di lá di questa svolta vagamente sdolcinata, favorita dal fatto di avere trovato una donna speciale che lo sopporta, accetta il suo passato burrascoso/figaiolo e soprattutto, evento straordinario, non gli rompe i coglioni, Erminio è vivo e presente nonostante cinque anni di fidanzamento e un matrimonio ancora in divenire, differito quanto la cessione di Caldara alla Juve. Semplicemente, Ottone ha spostato il suo raggio d’azione da Corso Sempione (che occuperá sempre un posto speciale nel suo cuore) alla zona Moscova/Garibaldi. La colpa è soprattutto delle persone che frequenta, tanto pigre da ritenere Sempione una meta troppo lontana e complicata da raggiungere rispetto a Moscova (3′ in più di auto, 1′ in scooter). Da non trascurare il fatto che Moscova sia facimente raggiungibile in metropolitana, prezioso mezzo di trasporto nelle serate in cui si esce sapendo giá che si andrá oltre la soglia alcolica di 0,5 stabilita dalla legge. Ottone infatti ha giá subìto un ritiro di patente nel 2011, per incidente provocato da ragazzino gay (nota di cronaca, non omofobica) che non gli diede la precedenza perchè convinto di averla lui (“venivo dalla strada più larga, ho ragione io”!). Non stiamo a ricordare casi analoghi capitati ad altri, ribadiamo soltanto che cambiare zona ed usare la metropolitana non significa essere morti.

Erminio è fidanzato e convivente, ma lei ha capito che non si può cercare di cambiare un uomo ormai ultraquarantenne… E così, una/due volte alla settimana Ottone esce esclusivamente con gli amici per parlare di calcio e ricordare i tempi in cui la gnocca, nel suo avvicendarsi di volti e nomi di protagoniste e comparse, aveva un ruolo centrale (mai comunque fondamentale quanto l’amicizia e il cazzeggio). E poi c’è sempre Mykonos, dove campeggiano un po’ ovunque foto di Antropiovra con la scritta “missing”. Prima una volta all’anno, poi due, adesso tre… Erminio parte per l’isola della luce tre volte ogni estate: una per vacanza di coppia esclusiva con fidanzata; un’altra per vacanza di gruppo con fidanzata e amici; un’altra ancora per chiudere l’estate tra uomini, compagni di bevute e di cazzeggio.

L’ultima vacanza di questo tipo (settembre 2016) ha prodotto uno dei discorsi più profondi mai pronunciati da Ottone, quelli che diversi lettori di Indiscreto rimpiangono (così ci dice il Direttore) ma che purtroppo per motivi di tempo non può più scrivere. Ore sei del mattino: in attesa che sia pronta una salvifica crêpe al formaggio Erminio, illuminato dai benefici effetti di vodka lemon e Smirnoff North (vodkaccia dolciastra alla ciliegia di colore azzurro, distribuita in abbondanza a Mykonos sotto forma di chupiti), si avventura in una ardita interpretazione del testo di “c’è un boa nella canoa” di Andrea Mingardi. Sostiene che sia assodato si tratti di un riferimento nemmeno tanto velato all’organo sessuale maschile, con pesante frase conclusiva: “C’è un boa nella canoa, speriamo che muoa”… “Ma la morale qual è?”, gli chiedono gli amici, rapiti dalla profonditá delle sue parole. “La morale è che il cazzo fa schifo”. Una volta sì che c’era la libertá di pensiero e di parola.

Tutta questa parentesi (chi non conosce la nostra vecchia rubrica su Indiscreto, sempre in stand-by come libro, perdoni le volgarità) non c’entra con le notti di Milano, che Erminio continua a vivere da protagonista ma senza gli eccessi del passato: era solo per dire che lo spirito giocoso e ironico non è stato perso. Certo non sono più gli anni di Bobone, Aida Yespica, Pippo Inzaghi, eccetera: il tempo passa per tutti e sette notti su sette in giro per locali stroncherebbero qualsiasi carriera, non solo quella di un calciatore. Volendo chiudere con una facile battuta, Erminio potrebbe osservare con amarezza che una volta Antropiovra era il suo delfino. Una volta.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.1/10 (26 votes cast)
Te li do io i delfini, 8.1 out of 10 based on 26 ratings

14 commenti

  1. U

    Sono in piedi sulla sedia ad appluadire,in lacrime per le risate

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 10 votes)
  2. A

    Da quanto tempo…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  3. m

    Stupendo. Ma perché parla in terza persona?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  4. K

    “Prima una volta all’anno, poi due, adesso tre… Erminio parte per l’isola della luce tre volte ogni estate: una per vacanza di coppia esclusiva con fidanzata; un’altra per vacanza di gruppo con fidanzata e amici; un’altra ancora per chiudere l’estate tra uomini, compagni di bevute e di cazzeggio.”

    Minchia, a confronto Gobbo è un giramondo con le sue vacanze…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +8 (from 8 votes)
  5. G

    Mi aggiungo agli applausi a scena aperta. Erminio ci manchi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  6. G

    “La morale è che il cazzo fa schifo”.

    Ermino come pasionaria ultra-femminista non ce lo facevo… 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  7. m

    Non capisco il rating del pezzo così basso. Solo 9.0

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 5 votes)
  8. C

    Tra quelli in attesa del libro – e della seconda opera su Cialtronia, ma il direttore preferisce glissare… -non mi sarei mai aspettato da EM una risposta che suona come una excusatio non petita quando si è dotato di cotanto aedo 🙂

    L’un de Fous de l’île, tanto per rimanere in zona Garibaldi/La Foppa…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  9. “IO con un micofono in mano perchè vado in TV e conosco i calciatori”

    E qui mi aspetterei la replica di almeno 4 utenti di Indiscreto…

    Ps: io avrei scritto “mykonosiani” ma va beh…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  10. A

    Tutto in terza persona, anche questo è un vezzo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  11. Riceviamo e malvolentieri (nel 2017 un giornalista potrebbe anche imparare a loggarsi con Facebook) pubblichiamo:

    Quella di Erminio Ottone è ormai una stella cadente, forse già caduta. Ha ragione il signor Ofiuco, la penosa scenetta dei delfini pone di fatto la parola fine alla leggenda di Erminio. Addio Ottone, preferisco ricordarti com’eri.

    Frank Mykonos

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  12. Riceviamo e sempre malvolentieri pubblichiamo:

    Egregio Direttore, anch’io conobbi Erminio Ottone al fulgore e non in modo superficiale, al contrario del sedicente giornalista Alberto Ofiuco che, con il sottoscritto, deve avere in comune soltanto il nome di battesimo. Non ho mai avuto, infatti, il piacere di incontrarlo nelle lunghe e strepitose notti milanesi, autentici sentieri senza lacrime per l’Erminione che adesso mi costringe a leggere cose neanche lontanamente ipotizzabili. L’avvistamento dei delfini? Ma cosa dici, Erminio? Siamo sicuri che sia davvero la tua voce quella?
    “Animali veramente affascinanti”! Sono scoppiato a ridere e non riesco ancora a smettere. Te lo dico da vecchio compagno di quei tempi memorabili: ma va a ciapa’ i ratt!! Cerca almeno di essere onesto con te stesso: tu la parola delfino la pronunceresti al massimo quando il Pescara gioca a San Siro! Piantala di fare l’animalista d’accatto (in questo son d’accordo con l’altro Alberto) e goditi Mykonos: forse almeno lì è rimasto l’un per cento di quello che eri.

    Saluti da Albertun (o adesso farai finta di non conoscermi?)

    albertopelledoca

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  13. M

    C’era una volta Erminio Ottone…

    “Martino, vai a vedere il video sulla sua pagina Facebook. Tieniti forte, non ti piacerà quello che ascolterai”. La telefonata del mio amico Angelo sabato mattina e’ stata un fulmine a ciel sereno. Arrivavo da una serata (lunga) al Jazz, sperando magari di incontrarlo e di esibire la mia nuova conquista: una 25enne italo brasiliana con più curve del circuito di Monza. Ne sarebbe stato orgoglioso. Già, ne sarebbe. Ne sarebbe se non fosse diventato nel frattempo la versione maschile di Licia Coló. “Animali veramente affascinanti”. Ho ascoltato quell’audio una dozzina di volte, incredulo. Poi ho fatto finta di nulla e sono andato a comprare il pollo al mercato, con le patatine (parola questa che UN TEMPO gli avrebbe suscitato mille emozioni). Ma niente, non c’è verso. In fila davanti alla bancarella, provo a riascoltare l’audio, sperando che i rumori del mercato mi facessero cambiare idea. Niente. Torno a casa. Il pollo si raffredda. Giro, su whatsapp, l’audio incriminato al gruppo ‘I predatori’, quello degli amici del venerdì sera al Jazz, che come foto profilo aveva un selfie di gruppo con il nostro amico Ottone. Ometto per educazione e decoro le risposte ricevute. A quel punto non c’erano più dubbi. Era lui. Maestro di vita per anni, punto di riferimento di tutti noi, un po’ più sbarbati rispetto a Erminio. Mi passa davanti tutta la vita: la prima limonata, le prime tacchette sulla porta dell’hotel di Rimini, l’incontro con lui in Sempione e i mille consigli da fratello maggiore. “Terone, sai che ho il cd di Cicciolina in auto”. Un leone con la sua Audi che mille ne avrà viste, altro che delfino. E allora caro il fu Erminio Ottone, abbi il coraggio di guardarci negli occhi e di chiederci scusa. Scusa per averci traditi. Siamo contenti che hai trovato una donna meravigliosa, ma i delfini no. No, questo è troppo. A mai più. E abbi il coraggio di tornare al
    Jazz, o forse sei troppo preso come inviato per la nuova edizione di Geo&Geo?!

    Martino dei Predatori del jazz

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi