La vera Rosario (Gasperini non è da Inter)

Il giorno dopo Inter-Atalanta è un lunedì come tanti altri, per lo meno al Champions Pub. Dalla CIA che spia mezzo mondo a De Magistris convinto di essere il re di Napoli è stata una settimana di notiziole da telegiornale di provincia, di quelli con in coda un servizio sulla primavera in arrivo, che non hanno turbato vite che che traggono ispirazione fondamentalmente da loro stesse e da quelle dei parenti. Tutto ovviamente scompare di fronte al sette a uno con cui in nerazzurri hanno battuto la squadra di Gasperini, dando un po’ di senso alla domenica e forse anche alle vite del Gianni, del Walter, del Franco e di Budrieri, che hanno seguito la partita al loro solito secondo anello rosso, a pochi metri di distanza dalla tribuna stampa dove il Max si è perso tutti gli otto gol perché troppo impegnato a sbirciare il display del telefonino della Fede. L’inviata di punta di Nerazzurrecontaccododici.net sembrava molto presa dal nuovo tipo conosciuto su Tinder, uno che si è presentato come intrigante e cazzuto country manager di Apple, che dieci anni fa Steve Jobs aveva personalmente scelto per l’espansione dell’azienda in Europa apprezzandone il suo pensare “outside the box” (presunte parole del presunto Jobs), conosciuto venerdì su Tinder: in realtà si tratta di un 37enne sposato di Busto Arsizio, che possiede soltanto un 286 rotto e chatta da un negozio Trony dove è in prova da un mese, con tutele decrescenti. Così anche oggi, mentre il mondo brucia e la civiltà occidentale scompare con i suoi membri intenti a confrontare le offerte di Secret Escapes per il fine settimana, nella periferia ovest di Milano il parlare di calcio è l’unica cosa che tenga attaccati alla vita insieme agli sconti 30% del Simply, al videopoker, al centro massaggi Tuina, al Nails Paradise, a miserabili eredità e soprattutto a Gabigol.

Sono le due del pomeriggio e gli impiegati della Tuboplast, gente che riuscirebbe ad ambientarsi in Corea del Nord come ad Anacapri, stanno sorseggiando un caffè che Paolo-Wang assicura essere italiano e che in effetti lo è: purissimo Lavazza qualità Rossa rubato al Simply e ricettato da Ping, che sa come usare il suo potere contrattuale, a 50 centesimi al pacco. Anche se ultimamente il disonesto grossista cinese sta facendo incetta di zafferano, che del resto ormai nei supermercati di periferia ti vendono soltanto alla cassa. Da qui l’abuso di risotti gialli da parte di Zhou. La saggezza confuciana e una naturale discrezione gli impediscono però di chiedere agli zingari e ai maghrebini suoi fornitori come mai siano così appassionati allo zafferano. Comunque quelle nullità dall’età media di 54 anni fanno i complimenti a Paolo-Wang per il caffè, ma lui ha in testa ben altro: suo cugino Yonghong Li gli ha chiesto se sia possibile mettere lì in via Novara, allo stesso indirizzo del bar, la sede milanese della Sino Europe. Una cosa solo formale, tanto per ricevere la posta, e soprattutto transitoria perché una volta perfezionato il closing (ormai ci siamo, sarà ad aprile) la società cinese si trasferirà al Portello, a Casa Milan.

Il suo caffè tiene comunque desta l’attenzione delle risorse umane della Tuboplast nei confronti del solito monologo di Tosoni, partito dal caso dell’operaio di Torino licenziato dopo aver subito un trapianto di fegato: “Questi della Oerlikon sono svizzeri cazzuti, li conosco bene. Ma ditemi voi: questo qua sta via otto mesi e al ritorno pretende che tutto sia come prima? Nel mondo di oggi 8 mesi sono gli 80 anni di una volta, la globalizzazione propone sempre nuove sfide e necessita di nuove skills per affrontarle. Purtroppo i soliti sindacati che difendono i fancazzisti hanno creato il caso e temo che l’operaio venga reintegrato. Ma scusate, uno che ha subito un trapianto di fegato come può pretendere di fare l’operaio metalmeccanico? Potrebbe organizzare mostre, creare una start up, fare da cicerone per i turisti che visitano Torino, essere imprenditore di se stesso. Dico bene?”. Annuimento generale, mentre l’amministratore delegato con la mano ben piantata fra le cosce di Mariella, ma soltanto in ottica di team building, si è messo a elogiare il tasso di crescita del PIL del Kenya. Intanto Cogodi ha alzato al 90% la percentuale di stipendio corrisposta in bitcoin, a tutti tranne che a se stesso, a Tosoni (che secondo una classifica stilata da Capital sarebbe il dodicesimo manager italiano per compensi), a Mariella e a José Luis.

Zhou ha tanta rabbia dentro e una mattina passata a preparare piadine per gente spregevole non l’ha fatta diminuire. Ha abbandonato il progetto di ammazzare l’influencer gay di Garbagnate, gli fa così schifo che anche i cinque minuti di conversazione prima di accoltellarlo e farlo a pezzi gli peserebbero. Ormai la Milano e l’Italia della realtà superano quelle della fantasia, se è vero (glielo ha detto Pier Luca) che hanno grande successo i closet organizer, come ad esempio Giulia Torelli. In pratica persone che ti rimettono in ordine la casa buttando tutto ciò che è superato, vecchio, inutile e che in ogni caso non si ha il coraggio di buttare. Zhou butterebbe l’Italia di oggi, che per sopravvivere è diventata come quella Cina che detesta senza nemmeno avere le palle dei cinesi.

Max è disperato, al punto di invidiare il finto manager Apple della Fede. Grazie a Fratellanza Laica (nel rito di iniziazione tutti devono indossare un loden) il padre gli avrebbe trovato un posto in un ristorante tex mex sulla Paullese, come addetto alla preparazione del chili. Senz’altro un passo in avanti rispetto a SuperMegaInter.com, ma il non più ragazzo sognava di fare il giornalista e non si vuole arrendere. Fra l’altro Vincenzo e Pier Luca adesso impazziscono per lo stagista di Sellia Marina, che ha anche un nome (Salvatorino), piacciono la sua determinazione e la velocità nel copia e incolla. Pier Luca è arrivato anche a dirgli che sono così contenti di lui che sarà pagato in stock option. Alla faccia di Arpe che non risponde. Max nell’ultima settimana ha scritto per i vari siti del gruppo un migliaio di notizie, di cui la metà dedicata a Juventus-Milan, ma il problema non è tanto quella merda quanto i pezzi per Hidegkuti che Ridge Bettazzi continua a mandare nonostante le pagine teoriche del numero zero (novità: si è deciso di uscire direttamente con il numero uno, senza pubblicità e con finanziamento ‘a progetto’ da parte del padre di Vincenzo, che si è informato per un prestito presso una finanziaria di Isernia molto seria) abbiano superato le duemila e per trasportarlo dall’edicola occorra una carriola. Certo chi sui siti dei grandi giornali la sfanga con titoli come ‘Belen, l’allenamento in palestra è durissimo’ e una photogallery di Eva Grimaldi negli anni Ottanta è mille volte più fortunato di lui che nella notte ha ricevuto da correggere 988.976 battute di quello che un quotidiano locale aveva definito il Leopardi di Pinarella di Cervia (fra le varie differenze c’è anche che Leopardi trombava infinitamente di più di Ridge), quando ancora era in terza elementare, pubblicando un suo tema sull’evoluzione del concetto di volante nel calcio peruviano degli anni Trenta.

Questa volta Ridge ha preso spunto dalla relazione del procuratore federale all’Antimafia che ha inguaiato il Latina ed ha partorito un articolo dall’accattivante titolo ‘Il sogno spezzato di Mark Iuliano’. Nel godibile pezzo, scritto in stile Buffa del periodo di Lansing, i soliti resuscitati Happel e Michels vanno al mare a Latina Lido e subito il santone olandese ha da protestare (“Era meglio se me ne rimanevo a Zandvoort”) mentre Happel lo invita, davanti a un bicchiere di Circeo Trebbiano, a stilare una classifica degli otto migliori allenatori del Latina dal punto di vista dell’etica, considerando fuori concorso, un po’ come Binda al Giro d’Italia, Mark Iuliano. Michels non si fa pregare: “Agostinelli, Rambaudi, Raggi, Auteri, Somma, Tobia, De Chiara, ma soprattutto Carmine Gautieri. Se sulla panchina dell’Olanda ci fosse stato lui non avremmo perso né nel 1974, né, perdonami, nel 1978”. Happel annuisce amaramente: “Gautieri avrebbe avuto le palle di lasciare a casa Jongbloed e di mettere in porta, piuttosto, Neeskens. E stiamo parlando di Gautieri, nemmeno di un maestro di calcio come Iuliano”. Alla sedicesima bottiglia i due santoni si innamorano di Latina Lido, con Happel che con un guizzo tocca il culo a una cameriera e viene sbattuto fuori dal proprietario del bar, che gli è sembrato assomigliare a Gonella.

Chiusura dell’articolo con citazione del solito Senad Gutierrez, che sul sempre antifranchista Explotadores y Explotados di oggi (la scorsa settimana è diventato quotidiano grazie a contributi straordinari dell’Unione Europea, con la seguente motivazione: ‘Per il suo impegno a favore del meticciato e contro gli egoismi della piccola e media borghesia’) ha scritto un editoriale critico verso le triplette di Icardi e Banega, dal titolo ‘La vera Rosario non siete voi, la vera Rosario è antifascista’ e nell’interno ha piazzato un articolo proprio su quel Latina 2014-15 che per mezzo campionato volò sotto la guida proprio di Iuliano: “Quando Milani entrava in campo tutto il Francioni ribolliva di antifascismo e Latina rivelava la sua vera anima, favorevole all’immigrazione e al multiculturalismo, contro tutti i beceri nazionalismi. Bidaoui rappresentava l’Africa del Nord che vuole ponti e non muri, in Dellafiore c’era l’anima di Rosario pur essendo nato per caso a Buenos Aires, in Litteri c’era la dignità degli ultimi, in Crimi la rabbia operaia pronta ad esplodere contro i padroni ma accogliente nei confronti dei migranti, mentre il presidente Maietta è stato per molti versi l’Obama europeo. Non mi stupirei se dietro alle sue disavventure ci fossero gli hacker russi. Certo nulla sarebbe stato possibile senza Mark Iuliano, perché non basta soltanto vincere ma devi anche lanciare all’umanità un messaggio di inclusione. Latina era davvero il suo posto, la più di sinistra fra le città di sinistra”. Il passaggio da settimanale a quotidiano ha ridotto a uno gli allegati: aggiungendo 25 euro al prezzo del giornale si potrà avere il dvd di Furio Colombo che spiega, traducendo in via del tutto eccezionale il New York Times, che Trump merita l’impeachment perché è stato votato soltanto dai venditori di armi del Kentucky e che in ogni caso non ha lo stile dell’Avvocato.

In casa Budrieri tutto bene o quasi. Stamattina l’Erminia e Yannick sono andati a manifestare sotto al consolato olandese, per la decisione di impedire un comizio al ministro degli esteri turco e quando lei è tornata casa, senza nemmeno accennare all’ipotesi del pranzo e vomitando insulti contro l’Olanda, Budrieri per la prima volta in vita sua si è arrabbiato con la moglie: “Noi l’Olanda dovremmo ringraziarla, per il Wilkes, per lo Sneijder e tutto sommato anche per il Bergkamp. Ma soprattutto per il Jonk”. Chiaramente pronunciato Gionk, alla Bagnoli. D.J. John è rimasto molto colpito dalla vicenda del barbone bruciato vivo a Palermo, anche perché lui alle feste per figli di ex paninari deve spesso interpretare questa parte. Non l’hanno ancora bruciato, ovviamente, ma quei simpatici discoli dodicenni spesso gli spengono le sigarette sulle braccia e gli pisciano addosso, prendendolo poi a calci. I 100 euro di ingaggio fanno però dimenticare tutte le amarezze, ha letto su una delle riviste della Cairo Editore di casa Budrieri che ci sono giornalisti che guadagnano 5 euro ad articolo. O forse si è confuso, e da un’altra parte ha letto che i giornalisti della Cairo editore guadagnano 5 euro ad articolo.

Venerdì notte, dopo Juve-Milan, Frank e Kevin hanno chiamato Budrieri per fare il punto sulla partita. Lui era comunque sveglio, perché la maschera priotettiva dell’Erminia puzzava di detersivo e non lo faceva dormire. Stava provando a mettere in fila le migliori cento parate di Bordon nelle coppe europee, tanto per prendere sonno, quando il telefono è squillato. “Budrieri, ti disturbiamo? Stavi scopando?”, la voce di Frank era quella inconfondibile dello juventino soddisfatto per avere rubato ancora una volta, con l’accento di Galveston che in questi frangenti assomiglia a quello di Bisceglie. “No Frank, mi sono ritirato quando ero all’apice, come Rosberg”, Budrieri ha sempre avuto la battuta pronta. È così iniziata una discussione su tutti casi da moviola della partita, con i due americani in viva voce nel tardo pomeriggio di Langley. Alla fine si è capito il vero motivo della chiamata, per bocca di Kevin: “Senti Budrieri, abbiamo trovato nel tuo fascicolo che sei stato tante volte in America…”. Dove volevano arrivare? “Be’, tante no. E poi ve l’ho già raccontato, non fatemi ricordare in quali circostanze…”. “Non ci hai detto della prima volta, però…”. Budrieri quasi non se la ricordava, la gita della sua quinta ragioneria a Dallas. Merito o colpa di un’associazione per scambi culturali, che aveva sorteggiato fra le quinte di tutta Milano quella che sarebbe andata per due settimane in America. Budrieri non aveva un gran ricordo di quella vacanza, che fra l’altro gli fece perdere Inter-Torino e Inter-Bologna: sfacchinate in autobus, una lingua incomprensibile e anche un mal di pancia probabilmente dovuto a ketchup guasto. E poi non era successo un cazzo di interessante, né c’erano state storie con ragazze americane (la madre era preoccupata che Budrieri potesse essere notato da un regista di Hollywood e rimanere in America, figurarsi). Una gran rottura di palle. Ma perché lo avevano chiamato nel cuore della notte per parlare di una gita di 54 anni fa? Che tristezza. Quasi preferiva discutere di Juventus-Milan con uno juventino.

Lifen ha entrambi gli occhi neri e di questo non incolpa nonno e papà Tong che glieli hanno fatti, ma Zhou che ha avuto la bella idea di regalarle Ultime lettere da Montmartre per l’8 marzo. A lei, che ha letto soltanto la biografia di Alessio Bernabei e nemmeno fino alla fine. Previdente, aveva buttato il libro nella spazzatura ma mercoledì sera il nonno Tong andando a controllare se c’era rimasta troppa polpa di mela attaccata alle bucce l’ha notato ed è stata la fine. Non sono entrati nel merito dei gusti sessuali di Qui Miaojin o del suo suicidio, a loro è bastato leggere sulla quarta di copertina che fosse taiwanese. Mentre Lifen spiega ai dipendenti della Tuboplast che l’emissione degli scontrini è sospesa in segno di protesta contro il femminicidio, Budrieri cerca di leggere la Gazzetta sul bancone della Sammontana ascoltando in sottofondo il Gianni, il Walter e il Franco analizzare la vittoria sull’Atalanta, con Ibrahim, Nabil e gli altri spacciatori maghrebini dal passaporto variabile che cercano di tirare sera facendo battute sulla festa della donna e sul momento in cui uccideranno i pochi italiani di quel bar. Che del resto nemmeno se ne accorgerebbero, presi come sono a discutere del modo migliore per limitare Sergio Ramos sui calci d’angolo. Budrieri non ha mai ceduto al fascino semplificatorio del populismo, ma quando sente frasi copiate pari pari dagli agonizzanti giornali getta per terra la Gazzetta spiegazzata e senza le pagine degli altri sport (non che freghino a qualcuno, le ha usate Zhou per far scolare l’olio delle patate fritte) che titola ‘I magnifici 7’ e di puro carisma affronta le migliori menti del Champions Pub, gente acuta che passa le giornate a discutere del futuro di Petagna ma riuscirebbe a tagliare la spesa pubblica del 50% senza provocare scioperi, in meno di mezza giornata, se soltanto Gentiloni si degnasse di telefonare. Anche se lui che in nerazzurro ha visto giocare Bugatti e Arnautovic non dovrebbe scendere sullo stesso piano di chi crede che l’Inter sia stata inventata da Pinamonti o di chi come il Franco rimpiange tutti gli ex, addirittura anche uno come Gasperini.

“Partita iniziata in maniera cazzuta, dopo la solita settimana di celebrazioni nei confronti dell’Atalanta. Icardi assatanato, Banega per la prima volta bene in una partita contro una squadra di atleti, il resto incommentabile a meno di non voler fare del bar. Gasperini bravo allenatore da squadra di provincia, ma se il suo amico Moggi non lo ha mai portato in un grande club e meno che mai alla Juventus una ragione ci sarà. Gasperini è da Atalanta ma non è da Inter, non l’abbiamo scoperto certo ieri”.

(Continua. La versione riveduta e corretta di questa puntata sarà pubblicata a giugno 2017 con il nuovo libro che conterrà tutti gli episodi della stagione pubblicati su Indiscreto insieme a quelli delle giornate finali, che invece non saranno messi online).

Avvertenza per i nuovi lettori: Non è da Inter trae ispirazione dalla realtà, ma non è la realtà. Chi lo ritiene volgare o si ritiene offeso può semplicemente non leggerlo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.0/10 (11 votes cast)
La vera Rosario (Gasperini non è da Inter), 9.0 out of 10 based on 11 ratings

63 commenti

  1. M

    Latina antifascista… nzomma 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  2. I

    che poi il vero nome è Littoria, ma questo i due santoni mica lo sanno, come buona parte degli italiani

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  3. K

    Lo sappiamo, lo sappiamo, anni fa c’era pure un sindaco che voleva ripristinarne il nome originario.
    Tipico esempio di cialtronaggine italiana, a Littoria cambiarono nome, Sabaudia la lasciarono così com’è anche se il non plus ultra per me è Grazzano Badoglio…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  4. I

    ma cambiare nome è stato abbastanza folle, come se poi l’architettura della città non parlasse
    un pò come abbattere il tribunale di milano perchè costruito nel ventennio, o cambiargli la funzione

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  5. b

    Soprattutto è Senad Gutierrez a non saperlo 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  6. “No Frank, mi sono ritirato quando ero all’apice, come Rosberg”

    STO PIAN – GEN – DO !!!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +13 (from 13 votes)
  7. K

    Sì, devo dire che è una perla favolosa…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  8. m

    Ma quale scuola organizza gite a Dallas in Novembre?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  9. l

    Nel 63? 🙂

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  10. E

    Ripensando ai motivi per cui si è infiammato il muro del calcio da venerdì sera, appaiono come quisquilie rispetto al tifo bianconero della CIA. Non escludo però che si presentino come tifosi della Juventus solo come copertura di un progetto più vasto di infiltrazione nel sistema politico-sociale-finanziario italiano. Vedremo gli sviluppi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  11. A

    quella della gita a Dallas l’ho capita adesso

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 6 votes)
  12. t

    Anche per me é stata a “scoppio ritardato “: letta stamani in treno non avevo fatto alcun collegamento poi ora a pranzo (cioe appena ho avuto un momento per ripensarci ) ho capito anche io a cosa si riferivano nella telefonata a budrieri ;-)…

    Quindi jonk era da inter?
    Notare che in una solo frase budrieri parla bene di ben 3, anzi quasi 4, calciatori

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  13. Non ha chiaramente detto che fossero da Inter, però…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  14. C

    In una trasposizione cinematografica chi ci vedete nel ruolo di Budrieri?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  15. j

    Robert De Niro ma senza nemmeno discutere.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  16. C

    Pensavo di rimanere fra gli italiani…

    Potrebbe essere la parte ideale per il canto del cigno di Giancarlo Giannini, un esausto ma lucidissimo Budrieri.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  17. E

    Ma non scherziamo minimamente!!! Budrieri è Ciarán Hinds fatto e finito!
    Considerazione che tra l’altro feci la prima volta che vidi Rome…

    p.s.: Rome nella cui pagina di Wikipedia viene indicato il personaggio interpretato dall’attore irlandese come GAIO Giulio Cesare, forse in onore delle abitudini sentimentali del condottiero…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  18. G

    Troppo aggressivo per quel ruolo, ci vuole qualcuno piu’ remissivo. Il Paolo Villaggio di Fantozzi e’ quasi perfetto…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  19. E

    Perchè tu hai in mente il Ciarán Hinds di Rome, ma in quella parte del basso borghese tapino è perfetto. Già solo l’espressione ti fa intuire il “non è da Inter”, guarda le guancie e la bocca con gli angoli all’in giù!
    Villaggio non è adatto, troppo sfigato. Uno che subisce, piange al massimo ma comunque si rassegna. Budieri è diverso, uno che ogni giorno si alza e prende una tramvata in faccia ma continua ad andare avanti come niente fosse…

    p.s.: Pozzetto troppo pagliaccio…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  20. G

    Paolo Villaggio o Renato Pozzetto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 3 votes)
  21. l

    No pozzetto fa abbastanza schifo, bruno ganz per prendere anche l’oscar come miglior attore.

    Direttore l’amore tra zhou e lifen ci fa capire che c’è sempre speranza e che la vita val la pena di essere vissuta? 😉

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  22. G

    Si parlava di attori italiani. E Pozzetto non fa schifo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 4 votes)
  23. E

    Ma Budrieri non deve far ridere, il suo è un personaggio tra il grottesco e il surreale….Pozzetto è un clown, qui serve uno che faccia ridere per la situazione in sè non per il personaggio…..

    Ma poi, perchè limitarsi ad attori italiani?! Deve interpretare la parte di un tifoso dell’Internazionale, mica della Juve!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 7 votes)
  24. Non mi ricordo se l’ho scritto, ma Budrieri fisicamente assomiglia a un Berti Vogts che non abbia mai fatto sport. Anche se poi di sport ne ha praticati molti…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  25. R

    Danny de Vito ?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 2 votes)
  26. C

    Allora se la struttura fisica deve essere quella dobbiamo puntare su Alessandro Haber o su un Antonio Albanese molto invecchiato

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  27. b

    In effetti la spiaggia di Zandvoort non ha niente da invidiare a quella di Latina…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  28. m

    Budrieri è chiaramente il Forrest Gump italiano.
    Ci vuole un attore di quel tipo…

    Mi aspetto anche che Happel e Michels discutano di Expected Goals e Half Spaces parlando del Barletta di Beccalossi.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  29. E

    Forrest Gump troppo magro, serve un milanesotto paciarotto un po’ tracagno…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  30. m

    Ma da giovane giocava a tennis e a football, qualcosa di quel fisico gli sarà rimasto.
    Non vorrai mica usare Abatantuono?

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  31. P

    Camillo Milli potrebbe fare il film della vita, con Budrieri.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  32. M

    Piero Mazzarella se fosse vivo.
    Con la povera Gisella Sofio nella parte dell’Erminia e il Dogui che fa il Walter coi baffi alla Zaccarelli

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  33. l

    Se fosse ancora vivo basterebbe fare ingrassare a modo il crepuscolare gian Maria Volontè e ben hur sarebbe solo un ricordo. Matt damon e denzel Washington a fare frank e Kevin, un paio di coreani da fim d’azione per zhou e lifen e siamo a posto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  34. E

    “Non mi ricordo se l’ho scritto, ma Budrieri fisicamente assomiglia a un Berti Vogts che non abbia mai fatto sport. ”

    Vedi che ci siamo?! Ciarán Hinds spiccicato, con l’espressione da Braccobaldo! Colonna sonora ovviamente “Milano” di Memo Remigi…

    “Danny de Vito ?”

    Troppo freak, Budrieri è il milanese medio spaccato…

    “Camillo Milli potrebbe fare il film della vita, con Budrieri.”

    Non riuscite ad uscire dal tunnel del trash, comunque sì, Milli ci starebbe fisicamente. Anche se ha sempre avuto quel guizzo da furetto tra occhi e bocca che lo rende troppo sgamato per essere un Budrieri (vedi Presidente Borlotti), che invece è più compassato…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
  35. P

    Vero, ci ho pensato anch’io che è un po’ troppo “cumenda” per fare il Budrieri, però se un attore è bravo cambia maschera senza far rimpiangere le precedenti.
    Poi ovvio che sarebbe bello pescare a Hollywood, ma immagino un budget non enorme per “Non è da Inter”. Vabbè, il remake californiano “Non è da 49ers” potrebbe avvalersi di un cast miliardario, ma finora…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  36. m

    Se proponi “non è da Knicks” a Spike Lee magari ci pensa.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +9 (from 11 votes)
  37. E

    Cazzo Jeff, ma te l’immagini?! Con Megan Fox nella parte di quella puttanella di Mariella e Lucy Liu a fare Lifen….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  38. P

    Sì, però poi finisce tutto a pistolettate e finisce il divertimento.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  39. E

    “Non è da Knicks”, è carino, direi addirittura geniale ma:

    1) l’ambiente di Non è da Inter è fatto da persone medie un po’ sfigate, Spike Lee generalmente racconta di sfigati che sono strafighi perchè fratelli neri…

    2) la trasposizione in chiave afro-ammeregana alla fine sarebbe un plagio dei siparietti dal barbiere già visti con Eddie Murphy, con le discussioni tra vecchietti su chi era il pugile più forte di tutti i tempi…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 5 votes)
  40. E

    Ragazzi, Mazzarella troppo caustico, un cinico ma vincente, anche quando faceva il barbone.
    Volontè poi non ne parliamo, troppo grintoso.
    Non ci siamo con la caratterizzazione dei personaggi, rimandati a settembre…….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  41. b

    Budrieri E’ Alberto Sordi, e dell’accento non ce ne frega niente, un modo si trova

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 5 votes)
  42. E

    MAI!!! Piuttosto mi incateno sotto il Pirellone!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +6 (from 8 votes)
  43. b

    E se proprio non ci arrivate, mi accontento di Gino Bramieri

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  44. E

    Troppo ciarliero……

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  45. e

    Ma un ROBERTO HERLITZKA? 😀

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  46. G

    Troppo vecchio e spento…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  47. I

    una vita in via novara, con l’erminia e i sofficini scaduti come cena, si deve trovare uno che resista a tutto questo…mica facile

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  48. t

    Butto un tris di nomi internazionali
    Pete postlethwaite
    Peter haber
    Clint eastwood ingrassato

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  49. G

    CE L’HO: ALESSANDRO HABER!!!!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 3 votes)
  50. E

    Ci avevo pensato, ma troppo nevrotico…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  51. E

    Gatto, pensa che stavo per proporre Mariano Rigillo, ma con Alessandro Haber hai ucciso, trionfante, il dibattito.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  52. l

    Già detto da Coffee

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  53. E

    “Ma un ROBERTO HERLITZKA?”

    Troppo emaciato….

    “Pete postlethwaite”

    Naaa, troppo nerboruto…

    “Peter haber”

    Troppo ieratico…

    “Clint eastwood ingrassato”

    See, vabbèh…..

    Ragazzi, un Berti Vogts che non ha mai fatto sport, dai. Ciapa chì!

    1) http://bc03.rp-online.de/polopoly_fs/nigeria-s-coach-berti-vogts-is-1.1161786.1348829182!image/1998463504.jpg_gen/derivatives/d950x950/1998463504.jpg
    2) http://vignette3.wikia.nocookie.net/harrypotter/images/c/c3/Ciar%C3%A1n_Hinds.jpg/revision/latest?cb=20120927224939

    Oppure:

    1) https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/16/Berti_Vogts_1.JPG
    2) https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwjs2t-zp9bSAhUFvRQKHbSTD8kQjRwIBw&url=http%3A%2F%2Fwww.imdb.com%2Fname%2Fnm0001354%2F&psig=AFQjCNH6pWY2-UV8BEUoZ4PDuSHEt5FqDA&ust=1489591435146867

    Osservate l’espressione fatalista, lo sguardo disilluso, i segni del Fato sul volto. Trucco, tinta, e via!

    Qui mentre scopre che la moglie trombava col fratello: https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/c2/75/70/c27570fda9602a3a16c727a276aaf000.jpg

    Qui mentre facendo zapping intercetta “Festa in Piazza” su Antenna3 e vede la moglie che gli aveva detto che andava al funerale della Zia Pina: http://graphics8.nytimes.com/images/2013/12/19/multimedia/inperformance-hinds/inperformance-hinds-videoSixteenByNine600.jpg

    E qui, mentre in gita al Ghisallo, in commemorazione per l’anniversario di una foratura di Marino Basso (che perse la tappa per l’assenza di quella pompa che Budrieri conserva ancora gelosamente), immerso nei colli lecchesi osserva il panorama e riflette sull’intera storia nerazzurra pensando che “alla fine Moratti padre non era molto diverso dal figlio, solo che non aveva il Moggi e il Galliani a ciulargli gli scudetti….comprava, comprava, poi ogni tanto azzeccava per forza qualche giocatore….anche quel Pelè lì, poteva arrivare all’Inter, ma chi ci dice cosa avrebbe combinato con le difese italiane?! Alla fine la verità è che Pelè non era da Inter…”: http://www.joblo.com/newsimages1/Ciaran%20Hinds%20The%20Shore.jpg

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  54. E

    “Ma un ROBERTO HERLITZKA?”

    Troppo emaciato….

    “Pete postlethwaite”

    Naaa, troppo nerboruto…

    “Peter haber”

    Troppo ieratico…

    “Clint eastwood ingrassato”

    See, vabbèh…..

    Ragazzi, un Berti Vogts che non ha mai fatto sport, dai. Ciapa chì!

    1) http://bc03.rp-online.de/polopoly_fs/nigeria-s-coach-berti-vogts-is-1.1161786.1348829182!image/1998463504.jpg_gen/derivatives/d950x950/1998463504.jpg
    2) http://vignette3.wikia.nocookie.net/harrypotter/images/c/c3/Ciar%C3%A1n_Hinds.jpg/revision/latest?cb=20120927224939

    Oppure:

    1) https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/16/Berti_Vogts_1.JPG
    2) https://www.google.it/url?sa=i&rct=j&q=&esrc=s&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwjs2t-zp9bSAhUFvRQKHbSTD8kQjRwIBw&url=http%3A%2F%2Fwww.imdb.com%2Fname%2Fnm0001354%2F&psig=AFQjCNH6pWY2-UV8BEUoZ4PDuSHEt5FqDA&ust=1489591435146867

    Osservate l’espressione fatalista, lo sguardo disilluso, i segni del Fato sul volto. Trucco, tinta, e via!

    Qui mentre scopre che la moglie trombava col fratello: https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/c2/75/70/c27570fda9602a3a16c727a276aaf000.jpg

    Qui mentre facendo zapping intercetta “Festa in Piazza” su Antenna3 e vede la moglie che gli aveva detto che andava al funerale della Zia Pina: http://graphics8.nytimes.com/images/2013/12/19/multimedia/inperformance-hinds/inperformance-hinds-videoSixteenByNine600.jpg

    E qui, mentre in gita al Ghisallo, in commemorazione per l’anniversario di una foratura di Marino Basso (che perse la tappa per l’assenza di quella pompa che Budrieri conserva ancora gelosamente), immerso nei colli lecchesi osserva il panorama e riflette sull’intera storia nerazzurra pensando che “alla fine Moratti padre non era molto diverso dal figlio, solo che non aveva il Moggi e il Galliani a ciulargli gli scudetti….comprava, comprava, poi ogni tanto azzeccava per forza qualche giocatore….anche quel Pelè lì, poteva arrivare all’Inter, ma chi ci dice cosa avrebbe combinato con le difese italiane?! Alla fine la verità è che Pelè non era da Inter…”: http://www.joblo.com/newsimages1/Ciaran%20Hinds%20The%20Shore.jpg

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  55. M

    Fabio Testi

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 3 votes)
  56. Mi stupisce che non sia stato citato Beppe Fiorello

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  57. E

    Ah no, calma, se si tratta di una produzione nazionalpopolare da Guglielmi & Bernabei ditemelo subito che mi tiro indietro al volo , spiace solo per la mezza parola con Ciarán……..

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 7 votes)
  58. P

    Dai, facciamolo produrre alla Lux Vide! Featuring Beppe Fiorello un po’ invecchiato (Budrieri), Emilio Solfrizzi (Cogodi), un Battiston che ha bisogno di un po’ di liquidità per rifare il bagno di casa (Tosoni), un po’ di attorucoli romani che parlano con la bocca a culo di gallina (DJ John, Max, Ridge Bettazzi…), un po’ di attricette romane che hanno la bocca a culo di gallina ma forse solo quando recitano (La Fede, Mariella…), Nino Frassica nel ruolo di un altro amico del bar, di origine meridionale, che non esiste nel libro ma viene infilato a bella forza nella sceneggiatura, e infine quel giro di attori cinesi che parlano romanesco e sono sempre gli stessi in tutte le “fisssscion” Rai (Lifen, Zhou eccetera). Ah, è un problema se cambiamo ambientazione e se n’annamo tutti aa Garbatella? “Non è da maggggica”, senti che titolo, un successone!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  59. Massimo Buscemi senza baffi
    E’ pure interista

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 8 votes)
  60. G

    Perfetto!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  61. t

    Ahahah non e’ da inter mi ha conquistato. Sto ancora ridendo a immaginarmi Budrieri discutere di Gascoigne con Kurt Cobain in trip.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  62. K

    Io lo farei interpretare ad Aurelio De Laurentis così il film dura più del dottor Zivago e Via col vento
    Ed a Sarri farei fare Zhou che con la parrucca giusta assomiglia a Ciu Ci Ciao di Delitto al ristorante cinese

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  63. A

    Leggo solo ora la discussione sul Budrieri cinematografico e non posso fare a meno di suggerire Renato Scarpa, credo sia perfetto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi