Rino Tommasi per sempre

Non ci segniamo mai anniversari, date storiche e compleanni, ormai un genere giornalistico a parte visto che le celebrazioni del grande personaggio iniziano con settimane di anticipo ed ormai anche per anni che non finiscono con lo zero. Ma gli 83 anni di Rino Tommasi, che ci sono stati ricordati da Ubitennis, sono per noi qualcosa di speciale perché probabilmente Rino è uno dei nostri migliori amici anche se lui non l’ha mai saputo né ci ha mai incrociato. Centinaia di pomeriggi e nottate passate in sua compagnia fra boxe (Holmes-Cooney e Hagler-Mugabi i ricordi da pelle d’oca, ma anche alcuni match di Loris Stecca e Minchillo e qualcuno di Parisi) e tantissimo tennis, ma anche football americano (fece la telecronaca di un Super Bowl, fra l’altro), calcio (Bayern Monaco-Milan di Coppa Campioni) e quei talk show sportivi che per prendere quota non avevano bisogno del cretino social o della figa muta. Volevamo fare i giornalisti sportivi fin da quando avevamo sette anni ma, al di là della mediocrità già del sogno, non abbiamo avuto il coraggio di provarci sul serio fino a quando non abbiamo letto il suo Trent’Anni a Bordo Ring, che parla di boxe ma soprattutto di come si racconta lo sport (sarà la centesima volta che citiamo questo libro del 1986, ma davvero riteniamo debba essere conosciuto). Va detto che la miglior lezione è stato lui stesso: l’assoluta assenza di retorica, l’odio per il giornalismo celebrativo, la scarsa considerazione per l’intervista e i ‘virgolettati’ (che inevitabilmente limitano la critica), la passione multisportiva, l’umiltà nello spiegare certi meccanismi di base anche a spettatori e lettori occasionali, il rifiuto di fare l’amico del campione: ognuno al suo posto, nel proprio ruolo. Conoscere bene chi ha lavorato con lui ci ha aiutato un po’, ma giusto un po’, a smitizzarlo, ma questo non toglie che in un mondo appena normale uno come Rino Tommasi sarebbe stato per cinquant’anni direttore della Gazzetta dello Sport. Certe direzioni, come quella dei servizi sportivi del neonato Canale 5, le ha avute e molte altre le ha rifiutate: meglio essere a Wimbledon a commentare Edberg-Becker con Clerici che in un palazzone nella brughiera a sentire le rimostranze di uno che chiede pretende di fare la telecronaca di Cavese-Forlimpopoli. Ha comunque reso più interessanti le vite di tanti, tantissimi di noi. Grazie Rino, per sempre.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (22 votes cast)
Rino Tommasi per sempre, 10.0 out of 10 based on 22 ratings

8 commenti

  1. m

    Bellissimo pezzo. Grande Rino.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 6 votes)
  2. t

    il migliore sapendo di esserlo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  3. L

    “meglio essere a Wimbledon a commentare Edberg-Becker con Clerici che in un palazzone nella brughiera a sentire le rimostranze di uno che chiede pretende di fare la telecronaca di Cavese-Forlimpopoli. ”

    Quello che ti fa cadere le palle e’ che la maggioranza delle persone che conosco in Italia tra le due opzioni non considererebbe neanche la prima.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +16 (from 20 votes)
  4. b

    Non sapevo del compleanno, ma ieri in maniera del tutto casuale mi sono rivisto la versione completa di Hagler-Mugabi. Il match fu spettacolare, sempre in primo piano rispetto alla telecronaca di Tommasi, nonostante lui stesso fosse esaltato come pochissime altre volte è capitato.
    MI associo pienamente alle considerazioni del direttore, aggiungendo di mio che ancora oggi, a distanza di quasi 60 anni, colpisce la precocità di alcune sue iniziative e intuizioni.
    Soprattutto, mi ha sempre impressionato la assoluta mancanza di snobismo del personaggio, ad esempio nell’approccio al calcio (o meglio, alla gestione del fenomeno calcio inteso all’italiana e visto da lui, anglosassone nel midollo).

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +5 (from 5 votes)
  5. G

    Sottoscrivo ogni parola. ‘La grande boxe’ è stato, per anni, il libro più letto. Il sesto round di Hagler-Mugabi commentato da lui una delle cose più spettacolari mai viste sulla terra. E poi un altro merito, che gli derivava dal corso di studi: il saper leggere lo sport attraverso i numeri, ma senza l’esasperazione che c’è oggi. Con pacata obiettività. Un maestro vero, che prima di fare il giornalista è stato discreto tennista (due bronzi alle Universiadi) e ottimo organizzatore di pugilato.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  6. E

    Il più bel complimento che posso fare a Tommasi è simile (perdonatemi) a quello che potrei fare al Direttore e a Indiscreto. Mi ha regalato un punto di vista non banale ma nemmeno gratuitamente provocatorio o velleitario su ogni evento sportivo che ha descritto. In pratica, l’esatto contrario di ogni articolo che leggo quotidianamente sulla Gazzetta nella pagina dei “commenti”, con la rinuncia a esprimere qualsiasi opinione che non rispecchi ciò di cui i lettori già sono convinti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 15 votes)
  7. m

    clap clap clap.
    “cretino social o della figa muta.” ora c’è anche la figa social.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
  8. C’è del sessismo nel rating di Eleonora….

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 6 votes)
Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi