Il sogno realizzato di Kaizer Motaung

In principio fu il Subbuteo. L’indimenticabile gioco del calcio da tavolo è stato il primo a rendere concreto un sogno, quello di creare una squadra personale. Un immaginario club di cui essere presidente e allenatore, disegnandone maglia, calzoncini calzettoni. Certo ognuno ha una squadra del cuore, ma vuoi mettere farsene una propria? Sembra impossibile. Invece no: in Sudafrica un uomo ha saputo fondare un club nel mondo reale e portarlo pure al successo.

Kaizer Motaung è nato nel 1944 a Orlando West, quartiere di Soweto. Siamo ad una mezz’oretta di treno di Johannesburg, nella landa desolata che si estende verso sud-ovest, oltre gli abbandonati giacimenti auriferi. Piuttosto improbabile che in quell’epoca circolassero giochi da tavolo nelle case o in quei succedanei di abitazioni con muri e tetti di latta. Alla teoria, anche per mancanza di alternative, si preferiva la pratica, per strada. Per i più dotati c’era la possibilità di andare a giocare negli Orlando Pirates, la più famosa squadra della township. Kaizer è tra questi e a 16 anni arriva la fatidica chiamata. Negli anni Sessanta non è facile far carriera nel calcio in Sudafrica, ancor meno guadagnare bene in un paese che ha e – almeno fino al 1994 – avrà occhi, orecchi e soprattutto denari solo per il rugby e il cricket.

Tutto il contrario di quanto sta avvenendo negli Usa. Dopo il successo di un torneo estivo nell’estate 1967 si è passati all’azione con l’allestimento una lega pro. I soldi ci sarebbero pure w gli impianti quasi, con un maquillage a quelli del football americano. Mancano solo i giocatori. Far giocare gli universitari? Manco a parlarne. L’idea di noleggiare intere squadre direttamente da Europa e Sudamerica – come era avvenuto in passato – non è un’ipotesi percorribile. Qualche calciatore britannico inizia a far spola stagionale tra i continenti, ma è in Africa il terreno più fertile per provare ad ingaggiare giovani calciatori promettenti non ancora attirati dagli ingaggi europei. Iniziano i provini: Motaung intuisce al volo che può essere un’occasione unica. Si presenta ad una delle selezioni, nello Zambia. L’esaminatore è un tipo tosto: si chiama Phil Woosnam, un inglese che in seguito diventerà addirittura il commissioner della Nasl. Esame superato a pieni voti: la destinazione di Kaizer è Atlanta, dove sono si stanno formando i “Chiefs”.

La sua carriera prende il volo fin da subito. Diventa una stella dei Chiefs ed è eletto anche tra i migliori attaccanti dell’intera Nasl. Le soddisfazioni in America sono direttamente proporzionali alla fama – se non il mito – che si propaga a Soweto e dintorni. Kaizer è un uomo che ha idee chiare e coglie al volo ogni segnale, lo rielabora e lo fa proprio: tanto che alla prima occasione utile – siamo nel gennaio 1970 – decide addirittura di fondare una propria squadra di calcio. La chiama “Kaizer Chiefs”, prendendo a prestito il proprio nome di battesimo e aggiungendo il marchio del club di Atlanta che gli ha permesso di emanciparsi a livello professionale. Non è una squadra di Subbuteo ma un club vero e proprio, in cui investe i propri guadagni da calciatore.

Dalle parti di Commissioner Street siamo in piena era-apartheid: in centro città a Jo’burg si entra solo con il pass. Il calcio è lo sport dei neri e nelle università bianche a pochi viene in mente di praticarlo. All’interno di una grande comunità come quella di Soweto tutto il contrario: genera straordinaria passione ma anche rivalità e qualche invidia. Motaung le vive sulla sua pelle: I primi passi dei suoi Chiefs sono difficoltosi. Anche i Pirates non tardano a esternare i propri sentimenti verso il loro ex idolo, forse nella speranza che rivaluti la propria posizione e torni a casa. Invece niente: Kaizer in testa ha un obiettivo chiaro e definito: strutturare il club su un modello organizzativo “americano”, così come l’ha imparato a conoscere ed apprezzare ad Atlanta. Un progetto innovativo in generale, figuriamoci nel Sudafrica degli anni Settanta: talmente ambizioso da non essere preso sul serio da molti, fino a scoraggiare i giocatori che vengono mano a mano contattati per essere ingaggiati.

“Una morte breve e indolore” dei Chiefs è il pronostico di qualche detrattore. Previsione sbagliata: passo dopo passo si impongono sul campo e fuori. Il carisma di Motaung è un’arma ancor più letale dei suoi piedi sul campo da gioco: coinvolge partner e sponsor e il club fa un salto in avanti dietro l’altro, sia in termini di risultati sia a livello strutturale. Una crescita tale da farlo diventare – con i rivali di Orlando – decisivi nella fondazione della Premier League, competizione professionistica che definitivamente sdogana – anzi, lancia – il calcio in Sudafrica nel 1995.

Uno dei punti di forza dei Chiefs è il non essere legato ad una specifica comunità, per quanto di Soweto in particolare e l’area di Johanneburg in generale siano un riferimento non secondario. Questo aspetto gli permette di diventare presto una sorta di “seconda squadra” – se non la prima – per molti appassionati in giro per il paese. È un fenomeno visibile ad occhio nudo: quando giocano in trasferta, una buona metà delle tribune solitamente vengono occupate da sostenitori che indossano colori giallo-nero. Un’attrazione fatale per molti sudafricani, neri e bianchi, in cui l’appeal e la fama di Motaung, unita alla presenza di alcuni giocatori-bandiera interraziali come Doctor Kuhmalo e Neil Tovey hanno giocato un ruolo fondamentale.

Le vittorie e i titoli hanno fatto il resto, posizionando il club ai vertici del campionato locale non solo per i risultati sportivi. A dirla tutta, al FNB Stadium – già Soccer City – perfettamente posizionato tra Soweto e Johannesburg, a due passi dallo straordinario museo dell’apartheid, a parte i concerti, il rugby e manifestazioni religiose (sì, religiose), il tutto esaurito per il soccer arriva giusto per il derby contro i Pirati di Orlando. Le mastodontiche dimensioni dell’impianto non aiutano i sold-out, tuttavia allo stesso tempo non penalizzano troppo l’atmosfera anche una gara di medio cabotaggio come quella a cui abbiamo assistito, in cui i Chiefs ospitavano la formazione di Pretoria – sponsorizzata dal canale sportivo SuperSport.

Allo stadio lo spettacolo è soprattutto sugli spalti. Bande musicali suonano motivi allegri che il pubblico canta e balla durante la partita, sovrastando le immarcescibili vuvuzela. Sul campo il ritmo è vibrante: le difese sembrano non esistere; si attacca da una parte all’altra, incessantemente. Tranne nel caso di Tshabalala – che riconosciamo per le treccine ed è una specie di Hetemaj però con meno visione e qualità – e forse Malukela – seguito peraltro con viva partecipazione dalla simpatica fidanzata, seduta al nostro fianco – la palla viene gestita con lo schema numero uno: lanciando lungo, ovunque e comunque. Perso il conto dei tiri in porta, a dispetto poi del risultato finale che sarà di 1-1, se in campo le differenze qualitative sono evidenti almeno rispetto alle abitudini europee, appena riflettiamo su quello che avviene sugli spalti ci si riconcilia immediatamente. Forse non avranno esigenze o saranno competenti quanto pensiamo di essere noi, ma l’atmosfera, la partecipazione allegra, l’accoglienza, l’attenzione verso il pubblico – la gestione delle aree comuni e dei servizi, ad esempio – in parole povere, il marketing, inducono a pensare che se un sognatore ha volontà, capacità e idee chiare, se è capace di trovare il terreno in cui seminarle può realizzare in maniera compiuta i propri sogni: Kauzer Motaung ne è la prova.

Paolo Sacchi, da Johannesburg

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.0/10 (5 votes cast)
Il sogno realizzato di Kaizer Motaung, 8.0 out of 10 based on 5 ratings

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi