Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il voto di Clint Eastwood

Fabrizio Provera

di

Indiscreto | 7 agosto 2012

Soltanto due notizie ci hanno distratto dai giochi olimpici negli ultimi giorni, liberandoci – ma solo per qualche minuto – dall’ultimo stupefacente per il quale, pur essendo incalliti proibizionisti, chiediamo seduta stante la legalizzazione: il mosaico interattivo di Sky, che consente la visione simultanea di tutte le discipline. Un viatico irresistibile alla dipendenza televisiva…Anzitutto Sight & Sound, la prestigiosa rivista cinematografica pubblicata dal British Film Institute, ha stilato la classifica dei dieci film più belli della storia del cinema, che riportiamo integralmente in fondo al pezzo (Vertigo, di Alfred Hitchcock, al primo posto assoluto).

Naturalmente- come accade ogni volta che una rivista di settore mette in fila libri, dischi, film o ristoranti- si sono scatenate le discussioni più accese. Personalmente, sono tentato dal proporre al Direttore una petizione di tutti gli Indiscreti nati tra il 1965 e il 1975 per richiedere alla redazione di Sight & Sound l’inserimento di Un mercoledì da Leoni di John Milius. Non possiamo concepire alcuna Top Ten della pellicola senza vedervi compresa l’epopea di Matt, Jack e Leroy, narrata magistralmente da uno dei registi più talentuosi e ribelli della storia del cinema, John Milius appunto, ribattezzato da alcuni ‘fascista zen’ per le posizioni tutt’altro che ortodosse espresse in alcune interviste.

Negli stessi giorni, in un resort dell’Idaho, stato che visitammo anni fa e universalmente noto per la bontà delle sue patate (‘Famous potatoes’ è la sigla che abbiamo visto sulla targa delle poche decine di auto incontrate, nell’agosto 2003, lungo le assolate strade di questo magico lembo dell’Ovest americano), il grande Clint Eastwood annunciava il suo sostegno a Mitt Romney e ai repubblicani, in vista delle Presidenziali di novembre. E’ a quel punto, da bastian contrari quali siamo, che abbiamo intimamente esultato: se l’attore consegnato alla storia del western da Sergio Leone, l’interprete del commissario Harold Francis Callaghan (Hai seguito quell’uomo? Sì, l’ho pedinato quando ero fuori servizio, ma è evidente che non sono stato io a picchiarlo. Perché? Perché gli è rimasta qualche parte di faccia sana), ma soprattutto il regista di pellicole senza tempo come Million Dollar Baby e Gran Torino vota Romney, allora – crocianamente -diciamo  che non si può non stare dalla parte di Romney. Anche perché dall’altra parte c’è l’intero star system hollyoodiano laico e democratico, politicamente corretto e protettore di ogni diritto e di ogni minoranza, in barba ai doveri e al fatto che appare quanto meno stridente il contrato tra i redditi delle star pro Obama e la cosiddetta base dei Democrats, specie delle minoranze le cui file ai seggi – nel 2008 – furono l’immagine più saggiamente utilizzata dagli abilissimi e profumatamente pagati consulenti d’immagine dell’ex senatore dell’Illinois.

Noi stiamo con te Clint, senza se e senza ma, anche se rispetto a questo mormone milionario preferiamo  il grande veterano JohnMc Cain, che perse con grande onore nel 2008 (molto meglio di quanto si pensasse alla vigilia), ma che rimane nella storia per l’appello finale pronunciato durante la convention repubblicana dell’agosto di quell’anno, con voce ferma nonostante le ferite riportate in battaglia: ‘Stand up and fight for your Nation. God bless America’. Siamo certi che quella da noi ribattezzata ‘real America’, ossia il groviglio di Stati compreso tra Wyoming, Arizona, Idaho, Montana, Nevada e soprattutto Texas, dove in un negozio trovammo lo Stetson preferito di John Wayne (in vendita alla modica cifra di 985 dollari, tasse escluse), sia dalla parte di Romney e dell’ex sindaco di Carmel, il libertario anti progressista Clint Eastwood.

Fabrizio Provera, 7 agosto 2012

Callaghan: Quando un maschio adulto aggredisce una donna con l’intenzione di violentarla io l’uccido, sono stato chiaro?
Sindaco: Intenzione? E come ha fatto a stabilirlo?
Callaghan: Quando un uomo nudo rincorre una donna in un vicolo con un coltello in mano e con l’affare di fuori… non credo voglia raccogliere fondi per la crocerossa.

I DIECI MIGLIORI FILM DELLA STORIA

SECONDO SIGHT & SOUND

 1. Vertigo di Alfred Hitchcock
2.
Quarto potere di Orson Wells
3. Viaggio a Tokyo di Yasujiro Ozu
4. La regola del gioco di Jean Renoir
5. Aurora di F.W.Murnau
6. 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick
7. Sentieri selvaggi di John Ford
8. L’uomo con la macchina da presa di Dziga Vertov
9. La passione di Giovanna D’Arco di Carl Dreyer
10. 8½ diFederico Fellini

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.5/10 (8 votes cast)
Il voto di Clint Eastwood, 4.5 out of 10 based on 8 ratings

23 Commenti a Il voto di Clint Eastwood

  1. Arthur Dent

    7 agosto 2012 at 15:14

    Clint Eastwood che vota repubblicano è una non notizia…
    Sulla classifica non mi esprimo sia perché non ho visto tutti i 10 film sia perché la scelta mi sembra un tantinello snob.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  2. GuusTheWizard

    7 agosto 2012 at 15:20

    Quindi da questa classifica si deduce che il miglior film di Hitchcock è Vertigo.
    Perplimo.

    In Idaho sono dei pazzi: quasi alla soglia dei trent’anni (e con barba di dieci giorni) ad una stazione di servizio di Pocatello vollero vedere il passaporto prima di vendermi un pacchetto di sigarette.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  3. leo

    7 agosto 2012 at 15:26

    Io non sono in grado di poter apprezzare film come Quarto potere, ma la classifica non mi sembra snob, ci sono tutti film nominati più volte nelle varie classifiche.

    Io scelgo il capolavoro di Kubrick, un film fantastico.

    Big wednesday gran film!
    Clint Eastwood esagerato da attore e da regista.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  4. leo

    7 agosto 2012 at 15:27

    Guus in sti staterelli USa non abiterei manco pagato. Quella che tutti chiamano “la vera america” penso sia roba per stomaci forti…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  5. Arthur Dent

    7 agosto 2012 at 15:38

    Leo sicuramente non sono filmetti però sembra che il cinema si sia fermato al 1970…. ignorare quasi completamente una quarantina d’anni di cinema mi sembra eccessivo.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  6. cuginostivi

    7 agosto 2012 at 15:39

    peccato che dalla parte di mit ci sia anche tutta wall street….

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  7. GoogleUser30

    7 agosto 2012 at 15:41

    una class che non comprenda chaplin o keaton non è credibile..milius diciamo che ha fatto di meglio che big wednesday..tipo lo script di apocalipse now

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  8. leo

    7 agosto 2012 at 15:49

    Arthur penso sia anche lo stupore per ciò che riuscivano a fare e a girare con gli strumenti dell’epoca…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  9. Arthur Dent

    7 agosto 2012 at 15:55

    Ma certo Leo,anzi il cinema è bello anche perché spesso si riescono a fare capolavori anche con pochi mezzi.Però ignorare completamente gli ultimi 40 anni lo trovo il classico atteggiamento altezzoso dei critici nei confronti dei gusti del pubblico.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  10. Dane

    7 agosto 2012 at 18:35

    Alcune considerazioni sparse:

    1) Clint che vota a destra è una non notizia: non è un caso che nessun regista italiano (al 90% cazzari con sciarpa e cappello che vanno in giro con l’aria di chi ha colto la vera essenza della vita con la tessera del partito di sinistra giusto nel taschino altrimenti monterebbero spot pubblicitari…) lo valga…
    2) Mc Cain non ha perso con onore un bel niente: era un gran coglione che avrebbe potuto amministrare solo un campo di concentramento nazista (e avrebbe fatto fatica a fare anche solo quello)…
    3) Quella qui definita “real America” in realtà è solo la parte più idiota, retrograda e razzista. Praticamente il Nord d’Italia se la Lega andasse al potere ed ottenesse la secessione…
    4) Qualsiasi classifica del genere non è possibile perchè non si possono mettere in una lista di 10 il meglio della storia del cinema.
    5) Volendo sporcarsi le mani in quei 10 film ce ne saranno sì e no 2 che potrebbero candidarsi alla Top Ten…
    6) Un mercoledì da leoni bellissimo, ma così su due piedi me ne vengono in mente almeno 10 (così su due piedi, eh?! Perchè se mi metto a pensare…) che meriterebbero la top ten con più merito…
    7) Sì, insomma, vabbè che agli anglosassoni piace recitar la parte degli intellettuali citando film italiani in bianco e nero (che spesso non hanno nemmeno visto, basta recitare la parte…) ma almeno ne scelgano qualcuno di credibile…
    8) Avvisate Sight&Sound che si è continuato a far cinema anche dagli anni 70 in poi…
    9) Grande attore Clint, ma non un fenomeno (famosa battuta: “Eastwood ha due espressioni: col sigaro in bocca e senza…”), invece fenomeno lo è come regista: indiscutibilmente il numero uno al mondo, visto che ogni volta riesce a sdraiare sia critica che botteghino. A tal proposito, Million dollar baby e Gran Torino son due gran film (come emdia, poi il primo è grandissimo e il secondo quasi-grande) ma i suoi capolavori son stati altri, onestamente…
    10) “Vertigo”?!…

    Insomma, abbiam capito che il Provera ritenga che cinepresa&moschetto facciano il regista perfetto, sfugge invece il senso dell’articolo…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 8 votes)
  11. frankmorris

    7 agosto 2012 at 18:42

    “Callaghan: Quando un maschio adulto aggredisce una donna con l’intenzione di violentarla io l’uccido, sono stato chiaro?
    Sindaco: Intenzione? E come ha fatto a stabilirlo?
    Callaghan: Quando un uomo nudo rincorre una donna in un vicolo con un coltello in mano e con l’affare di fuori… non credo voglia raccogliere fondi per la crocerossa.”

    Sublime…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  12. spike

    7 agosto 2012 at 18:54

    @GuusTheWizard:

    mi è capitato lo stesso in Tennesse per degli alcolici. il bello è che la distilleria più famosa d’america era ad un tiro di schioppo

    ogni volta che provo a fare una classifica dei 10 film più belli, me ne viene in mente sempre un altro che non ho incluso. una sola cosa non cambia. Apocalypse now al primo posto.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  13. Tani Rex

    7 agosto 2012 at 20:24

    D’accordo con Dane sulla diferenza tra il Eastwood attore e regista, anche se Eastwood dell ultimo periodo come attore e molto piu’ vicino alla qualita’ del regista.
    Tra le sue opere, merita un posto speciale, il poco publicizato “Bird”.
    Nella mia graduatoria “Mystic River” il suo top.
    Il fatto che non si e’ mai fatto scrupoli della sua visione politica in un mondo ipocrita come quello del Hollywood, lo fa ancora piu grande nei miei occhi.
    Detto questo, per quanto Obama l’ho detestato sin dal primo minuto, Romney proprio non si puo vedere.
    Impresentabile.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  14. GuusTheWizard

    7 agosto 2012 at 20:33

    @Tani
    Sei il solito comunista di m…..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. Arthur Dent

    7 agosto 2012 at 20:59

    Dane,credo che sull’ambiente italiano del cinema/fiction Boris (la serie tv) sia un chicca assoluta.Spettacolari gli sceneggiatori iscritti a “sceneggiatura democratica”.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  16. Tani Rex

    7 agosto 2012 at 22:02

    Guus, di merda si, comunista no ;)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  17. Italo Muti

    7 agosto 2012 at 22:46

    Who’s the owner of this shit hole?

    Ciao Boss never been a fuckin’ communist

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  18. Dane

    7 agosto 2012 at 23:42

    Tani, d’accordo su tutto….Bird è uno dei capolavori a cui pensavo (vale 3 volte Gran Torino, e non solo per un jazzista come me…), Clint Eastwood contro i radical chic di Hollywood mi ricorda Maradona contro il Milan di Sacchi o la Germania di Rumenigge, Obama e la bauscia democratica insopportabili ma non dimentichiamo che dall’altra parte ci sono zotici, analfabeti, assassini, guerrafondai, nazisti, schiavisti, produttori di armi e petrolieri (sì, lo so, queste ultime due categorie sono un po’ una ripetizione perché comprendono tutte le precedenti….).

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 1 vote)
  19. Dane

    8 agosto 2012 at 00:34

    Sì’, Arturo, quel passaggio di Boris è geniale……la cosa divertente è che spesso gli attori di quella serie son costretti dalla sceneggiatura a prendere per il culo se stessi…. :-D

    P.s.: sceneggiatura democratica é geniale, ricordo ai tempi del’Accademia quante parodie del genere facevamo… :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  20. chad palomino

    8 agosto 2012 at 11:54

    A proposito di fiction italiane, l’altro ieri sono stato costretto a vedere una mezza puntata di Don Matteo (andava nel bar dove facevo pausa pranzo) ed è stata una folgorazione: sembra di assistere a “Occhi del cuore”, la fiction di Boris!

    Su Clint repubblicano non vedo dove stia la notizia, lo è sempre stato, anche se poi i suoi film trascendono l’appartenenza politica e si situano nell’iperuranio dell’eccellenza.
    Comunque io ho una passione particolare per “Gli spietati” e “Un mondo perfetto”, pur trovandone almeno altri dieci (e forse sono anche di più) che possono legittimamente ambire al livello di capolavoro.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  21. Italo Muti

    8 agosto 2012 at 11:59

    @Chad

    gli spietati è fantastico nella sua evoluzione, decadente al punto giusto

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  22. Paperogha

    8 agosto 2012 at 15:49

    Berlusconi vs Prodi sarà stato una disgrazia ma pure Romney vs Obama è aun livello bassino.
    Ricordo un bel reportage di Foster Wallace che seguì la campagna di Mc Cain per la nomination del 2004

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  23. Ru

    10 agosto 2012 at 10:41

    Ineccepibile la scelta di Vertigo come numero #1, sia per la bellezza del film (che sarebbe poi la cosa piu’ importante) che per l’impatto notevole nella storia del cinema. Anzi dico di piu': era ora.
    Pero’ secondo me la scelta e’ un po’ di rappresentanza; hanno voluto premiare Hitchcock ed hanno scelto il suo film piu’ serio.

    Il resto mi lascia un po’ perplesso. Ho sempre pensato che il film di Welles fosse un po’ sopravalutato. *2001* lo trovo un po’ palloso; spettacolare a tratti, ma nel complesso difficile da amare. The Searchers di John Ford sta li per rappresentare il genere Western. Poi un omaggio alle grandi scuole internazionali: Giappone, Francia, Italia, Russia, Espressionismo…

    Di Eastwood adoro Unforgiven. Ma anche Mystic River e’ bellissimo. E son d’accordo con Dane sul fatto che sia tra i migliori registi in attivita’. Gran Torino mi ha un po’ deluso. Un film normale.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Devi autenticarti per commentare Clicca qui per farlo