Il campetto di Petrucci

Voglio prendere alla lettera il concetto del futuro presidente della Federbasket: “Essere positivi e non piangersi addosso”. Venerdi scorso la zona 7 del Comune di Milano ha deciso di intitolare il campo di basket  all’aperto di via Dezza a Mario Borella, mitico allenatore degli anni Cinquanta e Sessanta che ha insegnato basket alla generazione di Sandro Gamba e Gian Domenico Ongaro, dei Filippo Faina, Bruno Arrigoni e Oscar Eleni. Ha vinto un titolo italiano con gli juniores del Simmenthal ma soprattutto ha fatto conoscere e amare il basket a tanti ragazzi milanesi in un campo all’aperto. Questa premessa perché dobbiamo rendere omaggio alle persone che hanno reso popolare il basket partendo e curando la base. Inoltre in questo momento nel quale il vertice non se la passa bene e la base deve fare i conti con la marea di rinunce l’unico settore che funziona è il basket spontaneo: proprio quello dei campetti. Fate mente locale in qualsiasi ora del giorno in Italia, siate sulla riviera romagnola o nella vostra piccola o grande città, i campi all’aperto sono sempre pieni di gente che gioca tre contro o quattro contro quattro. Certo, i campetti da basket sono spesso occupati anche perché sono relativamente pochi, ma questo non toglie nulla al loro successo. Ragazzi e ragazze di qualsiasi età e di abilità diverse, interminabili sfide che hanno poi un seguito di commenti e sfottò. Non stiamo mitizzando una realtà che comunque ci piace. A provarlo è il fatto che aziende leader come Nike e Adidas nel basket non si leghino più alle squadre di vertice e se non vado errato Adidas persa l’Olimpia Milano non ha più squadre nei campionati italiani e Nike fornisce scarpe “a gratis” ma stop alle sponsorizzazioni tecniche. Queste aziende invece con altre rivolte al mondo giovanile (Red Bull) sono attratte dai “campetti”: li ristrutturano, li personalizzano, organizzano tornei. Una azienda illuminata come la NBA organizza manifestazioni in tutta Europa per portare e far conoscere il proprio marchio nei campi all’aperto non nei mega-palazzi. Ecco miei cari burocrati, partite da lì per rimettere in piedi uno sport meraviglioso.

Toni Cappellari, 25 luglio 2012

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.5/10 (2 votes cast)
Il campetto di Petrucci, 5.5 out of 10 based on 2 ratings

Lascia un Commento

Close
Ti piace Indiscreto?
Seguici anche sui Social Network per essere sempre aggiornato sui nuovi contenuti
Social PopUP by SumoMe

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi