Pizza, mandolino e gol di Cattuso

Stefano Olivari

di

Indiscreto | 29 giugno 2012

Non possiamo dimetterci da italiani, come quelli che hanno la casa a Parigi, anche per il non trascurabile dettaglio che siamo italiani (quanto a Parigi, possiamo al massimo dormire in aeroporto dopo il volo Easy Jet). Così come, per citare una memorabile frase di Mario Balotelli, i cinesi sono cinesi. In altre parole, l’identità non è un pezzo di carta ottenuto grazie al bisnonno della moglie o una scelta ideologica da sottolineare con immotivato ‘orgoglio': è e basta. Detto questo, al decimo ‘In culo alla Merkel’, ascoltato la scorsa notte mentre tornavamo a casa dalla miniera, ci siamo vergognati di appartenere ad un paese che riversa nel calcio aspettative e speranze che dovrebbe riversare nella politica o perlomeno nei comportamenti individuali. Se grandi editorialisti scrivono che l’Italia del calcio può rilanciare il paese, secondo lo stesso schema terzomondista che viene usato a volte per esaltare le vittorie del Napoli, allora siamo davvero finiti. Ben prima di svalutazione, scoppio della bolla immobiliare, governissimo perenne. E parliamo delle vittorie di una squadra come la Nazionale di Prandelli, che abbiamo sempre seguito con simpatia (non parliamo poi di Balotelli, idolo assoluto e sempre bersaglio del giornalismo mainstream) anche al netto di furbizie mediatiche e di etica a doppio binario. Adesso, passi per i quotidiani sportivi che devono riempire trenta pagine di calcio, ma in quelli generalisti tutti i mille parallelismi fra calcio e politica che vengono proposti servono solo a solleticare i peggiori istinti. Come se una vittoria della Grecia nei quarti degli Europei fosse stata più importante di anni di bilanci taroccati, o se i geniali assist di Cassano e Montolivo avessero reso la Punto più attraente della Golf. In un’intervista televisiva pre-partita, in una delle tante piazze a pochi minuti da Italia-Inghilterra, alla domanda ‘Chi segna stasera?’ un signore esperto di calcio ha risposto con sicurezza: “Cattuso”. Proprio così, con la C. In quel ‘Cattuso’ c’era tutto, senza bisogno di spiegazioni: ignoranza, superficialità, informazioni orecchiate male, sopra ogni cosa la speranza che alla fine la situazione si aggiusti (magari con l’uomo forte). Dopo Italia-Germania, in un’altra località, un ragazzo con la faccia pitturata, mentre dietro di lui vari italopitechi intonavano cori anti-Merkel (non vuole pagare i nostri debiti, ma come si permette?), ha chiuso la memorabile serata serata con una certezza: ”Oggi l’Italia ha dimostrato che non siamo solo pizza e mandolino”. Una certezza confermata da tante pagelle firmate da osservatori di vaglia: gli azzurri quasi tutti dal 7 all’8,5, i tedeschi quasi tutti dal 4 al 5. Non li abbiamo fatti uscire dalla loro metà campo, merito anche del pressing di Cattuso oltre che di ‘Ballotelli’. Le due elle alla ‘Ancellotti’ sono state invece giornalistiche e reiterate, fin dall’esordio con la Spagna.

Stefano Olivari, 29 giugno 2012

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.8/10 (16 votes cast)
Pizza, mandolino e gol di Cattuso, 8.8 out of 10 based on 16 ratings

89 Commenti a Pizza, mandolino e gol di Cattuso

  1. frankmorris

    29 giugno 2012 at 18:30

    Scusate, ma il discorso sui titoli ridicoli dei quotidiani ormai è vecchio.
    Quante volte, qua dentro, è stato scritto che i giornali scrivono ciò che il tifoso vuole?
    E’ triste? Ok, ma è l’unico modo per vendere…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  2. Dane

    29 giugno 2012 at 21:09

    Tani, se la metti sul ”un motivo ci sarà” allora credo che col medesimo metro l’intera Europa abbia diritto ad avercela coi tedeschi da qui all’eternità.
    Se poi pensate che la colpa rinfacciata alla Merkel sia solo di chiedere il pagamento dei debiti mi arrendo.
    D’ora ogni qualvolta salterà fuori un tedesco in una discussione qualsiasi gli darò dell’invasore guerrafondaio nazista, Merkel compresa.
    E ”un motivo ci sarà”…….

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  3. Dane

    29 giugno 2012 at 21:10

    Tani, se la metti sul ”un motivo ci sarà” allora credo che col medesimo metro l’intera Europa abbia diritto ad avercela coi tedeschi da qui all’eternità.
    Se poi pensate che la colpa rinfacciata alla Merkel sia solo di chiedere il pagamento dei debiti mi arrendo.
    D’ora ogni qualvolta salterà fuori un tedesco in una discussione qualsiasi gli darò dell’invasore guerrafondaio nazista, Merkel compresa.
    E ”un motivo ci sarà”…….

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  4. Dane

    29 giugno 2012 at 21:14

    p.s.: bellissimo vedere due post diversi di due utenti diversi che dicono cose diametralmente opposte avere lo stesso numero di voti positivi, quindi presumibilmente dagli stessi lettori.
    Sembra di vedere le assemblee in palestra del liceo, dove appena uno sparava una frase ad effetto veniva applaudito anche se in totale contraddizione con l’opinione di colui che era stato applaudito prima….. :-D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  5. onelife crew

    29 giugno 2012 at 21:40

    chissà come mai dopo italia-germania del 1982 e del 2006 cori contro il cancelliere tedesco pro tempore non se ne sono sentiti. Oggi è un po’ più chiaro quale sia la visione dell’europa dei teutonici, e per quasi tutti gli italiani questo è l’unico modo di mostrare con la goliardia un sentimento che altrimenti non avrebbero mai modo di dimostrare (conto fino a 10 e aspetto il primo che risponde: eh, ma le elezioni per il parlamento europeo…). Detto questo, ho trovato molto deludente l’articolo del Direttore, serioso e tromboneggiante.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -1 (from 5 votes)
  6. Krug

    29 giugno 2012 at 21:46

    Sono appena tornato da Berlino dove ho “vissuto” Germania – Grecia e Germania – Italia.
    Per evitare malintesi specifico subito; amo la Germania, Paese in cui vado sempre volentieri ed ammiro il popolo tedesco, composto da persone serie, democraticamente all’avanguardia (hanno un sistema sociale da far strabuzzare gli occhi), socialmente avanzato (basta ricordare che l’impegno ecologico è nato lì e che pur avendo alcune delle aziende automobilistiche più grandi hanno un sistema di trasporti pubblico da urlo e prima di mettersi in auto vedono di usare ogni mezzo di trasporto alternativo, ho visto maree di gente usare la bicicletta anche sotto la pioggia battente e la benzina costa meno che da noi e le loro paghe sono sostanzialmente il 50% più alte delle nostre); detto questo posso dire di aver visto: articoli e titoli deliranti sugli Europei e non solo da parte della popolarissima e populista Bild; ogni telegiornale (parliamo di Zdf ed Arf, non Italia 7 Gold)si apriva e dedicava ampio spazio alla Nationalmannschaft; l’augurio in italiano di uno speaker del telegiornale di chiare origini paisà (“Vinca il migliore” ed io come il mio concittadino Rocco ho pensato “Speremo de no”) fra il primo ed il secondo tempo ha scatenato scazzi tra i teutonici; parliamo della Merkel? Ha fatto anticipare la conferenza stampa del summit Germania-Francia-Italia-Spagna per volare con aereo di Stato a vedere Germania-Grecia, roba che se l’avessero fatto Prodi o Berlusconi avremmo avuto polemiche per decenni; non contenta si è lamentata di non poter andare alla semifinale beccandosi il commento di Mario Monti (“Siamo seri…”) uno che fino a prova contraria è nato a sud delle Alpi; capiamoci, spesso mi vergogno di essere italiano ed odio il popopopò fatto da gente che dovrebbe avere la capacità mentale di andare oltre al “panem et circenses” che annebbia il popolino ma per favore finiamola di sputarci in faccia anche quando non serve; o meglio, abbiamo tanto da imparare dagli altri, evitiamoci di metterci il cappello d’asino anche quando non serve…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +14 (from 14 votes)
  7. onelife crew

    29 giugno 2012 at 21:49

    @Dane: secondo me invece molti lo hanno capito. Un’Europa che va bene solo quando c’è da esportare Mercedes e BMW in Italia e Spagna o quando c’è da tenere lo spread alto per finanziarsi a basso costo sul mercato: altrimenti, tutti schiavi della frau. Ah, dimenticavo: prima di parlare per cosa sono conosciuti gli italiani nel mondo, forse è meglio (ri)leggersi la storia europea degli ultimi 100 anni…lezioni da costoro non ne prendo

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 5 votes)
  8. Cuore di Tenebra

    29 giugno 2012 at 21:53

    @Dane:

    Nel tuo voluto paradosso, in realtà, c’è del vero. Che poi la vocazione egemone, in tempi più civili e meno violenti, sia esercitata con le armi dell’economia e non con fucili e cannoni, fa ovviamente tutta la differenza del mondo quanto ai metodi. Quanto allo spirito, un pò meno.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 4 votes)
  9. Dane

    29 giugno 2012 at 22:06

    Grazie ragazzi, perché mi avete fatto sentire meno solo al mondo (negli ultimi tempi Indiscreto sta prendendo una piega nazista che fa venir da ridere al pensiero della piega fascista che lamentavs Clinter…).
    In particolare sposo l’esegesi della visione tedesca dell’Europa fatta da Onelife crew, la chiosa di Cuor di Tenebra e il senso del post di Krug: abbiamo tantissimo da imparare dai tedeschi, non in tutto ecco…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 4 votes)
  10. ricca

    29 giugno 2012 at 22:11

    Spike, domanda probabilmente cretina: che differenza ci sarebbe,ad esempio, con il prestito di 100 mld all’1% di interessi dato alle banche dalla Bce dietro garanzia dello Stato, di qualche mese fa?

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  11. ricca

    29 giugno 2012 at 22:14

    Dane e di che ti lamenti?? Tu sei un nazifascista (cit.)!!! :-D :-D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  12. Krug

    29 giugno 2012 at 22:22

    Scena oggi in un bar-panetteria di Berlino dove andavamo a far colazione ogni mattina; vedendoci con le valigie la proprietaria ci dice “Dove state andando?”, mia moglie sgrana gli occhi come a dire “Che non si capisce che siamo italiani? (No, non si capisce, mia figlia sembra una krukketta nonostante la madre tipicamente mediterranea)” e dice “In Italia”; io per buttarla sul ridere dico “Non ci butti fuori dal locale”, la tipa si mette a ridere ed il tipo vicino a noi bofochia qualcosa in berlinese (non si capisce nulla quando parlano!!!); la tipa ci dice “Avete capito?” “Ehm veramente no…” ed allora dice qualcosa al tipo in berlinese; chiedo alla tipa “Che avete detto?” e lei mi dice “Lascia perdere”; salutiamo lei ed il tipo e ce ne andiamo; dopo cinque minuti di elucubrazione in metropolitana l’illuminazione; HO CAPITO! Il tipo ci ha detto “Ma venite dall’Italia o dalla Ghana (sottile umorismo tedesco)?” e la tipa, dopo averci dato il tempo di fancularlo meritatamente gli ha risposto “Ci avanza a noi che abbiamo una squadra piena di turchi…”
    Se po’ dì che tutto il mondo è Paese?

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  13. Dane

    29 giugno 2012 at 22:26

    Hai ragione Ricca, sarà per quello che la solita testa di minchia mi dà meno e da più a coloro che quotano i miei stessi concetti… :-D

    P.s.: ho un lapsus, non mi ricordo più chi e perché mi diede del nazifascista….devo andare a spulciare…. :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 13 votes)
  14. ricca

    29 giugno 2012 at 22:28

    Era a proposito del post di Italo sui gruppi musicali di (estrema) destra, ma ora non ricordo il motivo preciso. Mi fece troppo ridere.. :-D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  15. Cuore di Tenebra

    29 giugno 2012 at 22:28

    @Dane:

    Non cambiamo le carte in tavola: secondo l’ultima vulgata, tu sei un nazingaro! :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
  16. Italo Muti

    29 giugno 2012 at 22:31

    @ricca

    Anche un po’ evasore :) :)

    Ma va’ va’ (semicit.)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +3 (from 3 votes)
  17. ricca

    29 giugno 2012 at 22:34

    Italo
    Oddio le lacrime agli occhi!!!(cit.) :-D :-D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  18. Ekstrom

    29 giugno 2012 at 22:41

    @Dane
    che ti lamenti? Tra un po’ a stare qui dentro finirò per abiurare le mie convinzioni politiche..

    @Krug
    Per restare in tema calcio-Germania a me è bastato poco per capire che meraviglia di posto fosse:
    – una cavolata: in un parcheggio sotterraneo avevamo problemi perché non capivamo il tedesco e cercavamo di farci capire con il cassiere. Si è formata ovviamente una coda mostruosa, ne avessi visto uno suonare o protestare..
    – una cosa un pelino più seria. Andare a vedere (tra le tante cose che ci sono a Monaco) anche l’Olympiastadion (il primo che fa la faccia stile Verdone “nun riesco a intravedé lo stadio” – cit. si becca un -89 di rating) e sentirmi dire che il Villaggio Olimpico ha un bilancio in attivo = fa guadagnare soldi alla civica amministrazione..

    @all
    Detto questo, il comportamento di Monti che agli Europei non ci va, evita di vedersi la partita di ieri (mentre da noi basta che fissino le assemblee di condominio il mercoledì di Champions e qui mi fermo..) o non fa una piega il pomeriggio di Italia-Croazia (vertice con Hollande), non l’ho visto esaltare come avrebbe meritato.
    Possiamo criticarlo quanto vogliamo per le scelte economiche che ha fatto (e lo facciamo anche in questo post), ma almeno ammettere che la serietà c’è ed è pure troppa..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +4 (from 4 votes)
  19. Dane

    29 giugno 2012 at 22:42

    adesso ricordo, Dio che ridere!!! :-D
    Io certa gente la vorrei conoscere di persona!… :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -5 (from 5 votes)
  20. Dane

    29 giugno 2012 at 22:47

    @krug, io una volta in vacanza ho conosciuto un tedesco che sosteneva che l’Impero Romano doveva la sua fortuna al fatto che invadendo le terre delle popolazioni barbare germaniche ne mutuò l’organizzazione nell’amministrazione… :-P

    @eks, Monti non é serio, é serioso….. ;-)

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -3 (from 5 votes)
  21. spike

    29 giugno 2012 at 23:55

    @Dane:

    davvero, ha detto proprio così? l’organizzazione? fantastico.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  22. spike

    30 giugno 2012 at 00:05

    @ricca

    non ho capito,parli dell’LTRO? quello è un prestito bancario e non entra nel capitale. per rastrellare capitale hanno comprato titoli di stato che si sono svalutati e quindi hanno risolto un problema di liquidità ma non la solvibilità.

    le banche spagnole hanno bisogno di iniezioni di capitali perchè sono virtualmente fallite. La versione precedente prevedeva che i vari EFSF e ESM prestassero allo stato che a sua volta girava alle banche. il risultato sarebbe stato far esplodere il debito spagnolo e quindi lo spread a livelli astronomici. Ora i soldi li danno direttamente alle banche, passando la vigilanza a capo BCE.I dettagli tecnici dell’operazione ancora non sono noti, però questo è un miglioramento.

    Il grosso punto dolente è l’assenza di munizioni sufficienti per sostenere gli spread. Qui speriamo nessuno veda il bluff.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  23. Cuore di Tenebra

    30 giugno 2012 at 00:05

    @spike:

    Aaaaahhhh, la nota organizzazione barbarica :-P

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  24. spike

    30 giugno 2012 at 00:23

    @Cuore di Tenebra: ù

    che, assieme alla tecnologia, l’organizzazione è esattamente il motivo per cui i romani hanno dominato per secoli.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  25. Cuore di Tenebra

    30 giugno 2012 at 00:30

    @spike:

    Perché dici a me? Io facevo ironia sull’organizzazione “mutuata dalle popolazioni barbare germaniche”, mica sull’importanza dell’organizzazione…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  26. spike

    30 giugno 2012 at 00:40

    @Cuore di Tenebra:

    no no, rimarcavo la cazzata detta dal conoscente di dane. tra tutte le cose va a pescare proprio quella :D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  27. Dane

    30 giugno 2012 at 01:49

    Spike, non ricordo se disse organizzazione o il tipo di organizzazione…..in pratica sosteneva che già l’efficace semplicità di come i vari capi gestissero la tribù denotava la superiorità del popolo germanico sulla bizantina burocrazia latina e quindi quando i romani ne mutuarono le peculiarità fecero il salto di qualità, per poi crollare quando lentamente l’impero si ripiegò sulle proprie ataviche e genetiche indoli (non a caso poi furono i popoli germanici ad impadronirsi dell’Impero…).
    Praticamente trasposizionava la situazione attuale in quell’epoca come si fa con le sceneggiature dei cartoni animati, tipo i Flinstones che c’hanno il telefono e la tv però di pietra!….quanto ridere che ho fatto…..
    Insomma, son sempre più bravi loro, da morir dal ridere…

    P.s.: ah, ovviamente per farci capire che lui era lui e noi non capivamo un cazzo ci precisò che lui era professore di storia ed aveva analizzato bene la non casualità di certi fatti che non potevano mentire…..e i suoi connazionali tutt’attorno che annuivano convinti…..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: -2 (from 6 votes)
  28. spike

    30 giugno 2012 at 10:40

    @Dane:

    :D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  29. tiziamal

    30 giugno 2012 at 10:48

    ahahhhah
    l´impero romano grande perché assorbi l´organizzazione tedesca é fantastica, spike e cuore hanno detto tutto
    e poi il loro grande eroe nazionale Armin(Arminio)batté i romani(nella loro una grande vittoria contro di noi) proprio grazie a italiche armi:furbizia,e…ripiegamento/arretramento difensivi e contropiede

    Ah Teutoburgo,una delle piu grandi sliding doors della storia…se solo al posto di uno come Varo(non proprio pessimo ma completamente indatto/inadeguato al compito assegnato)ci fosse stato uno con coglioni come sarebbe stata diversa la storia d´europa…

    eks:a me invece,fra le tante cose/differenze, ha fatto rimanere a bocca aperta il sito internet delle ferrovie tedesche che quando scegli una tratta ti offre l´opzione comparazione con altri mezzi(auto e aereo)riguardo sia al tempo(e al percorso) del viaggio sia(soprattutto)ai consumi e all´impatto ambientale

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  30. Tani Rex

    30 giugno 2012 at 10:56

    Ma insomma, tra voi e I tedeschi scorre proprio buon sangue? E che caxxo! Ho detto io che un motivo ci sara…

    http://m.youtube.com/watch?v=oTgK4HEGPwQ

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  31. Tani Rex

    30 giugno 2012 at 11:05

    Dopo rigorosa ricerca storica, ho capito il vero motivo, perchè i tedeschi c’è l’hanno con voi.

    http://m.youtube.com/watch?v=rdO6NHag_cw

    “Un esercito di disoccupazione” Ahahahahahah

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  32. gianguido mussomeli

    30 giugno 2012 at 18:33

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/daassociare/2012/06/30/EURO-2012-BORGHEZIO-BALOTELLI-PADANO-PELLE-SCURA_7120987.html

    Sull’ opportunismo italiano questo la dice lunga. Spero che Balotelli domani non sbagli un rigore altrimenti per gli italiani tornerà a essere un negro di merda, come quando giocava nell’ Inter.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  33. spike

    30 giugno 2012 at 20:09

    @gianguido mussomeli:

    che schifo… eh ma la lega c’ha il radicamento nel territorio…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  34. spike

    30 giugno 2012 at 20:11

    voglio dire…dopo anni e insultare ora pronto a salire sul carro. che gente.

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  35. Italo Muti

    30 giugno 2012 at 20:36

    @Spike

    eh ma il senso dell’onore….

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  36. transumante

    30 giugno 2012 at 20:38

    gianguido: eh ma i buu e “i negro di merda” se li era un po’ cercati anche lui, dando del bacucco al maggico capitano e con quella linguaccia ai maggici tifosi. Insomma, pari e patta

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  37. Ekstrom

    1 luglio 2012 at 00:03

    @Tiziamal
    “Varoo! Varoo! ridammi le mie legioni!!”

    @Dane
    il prof. dimenticava che per avere organizzazione ci vuole il diritto e anche quello tedesco deriva da quello romano..
    Anche l’Imperatore non aveva inventato nulla, il Codice Napoleonico deriva sempre da quello di Giustiniano..

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  38. Dane

    1 luglio 2012 at 11:28

    @Tiziamal: ma che poi di trovare il tipo eccentrico con la personale teoria bislacca ci starebbe anche…..il problema è che lì nella chiacchierata in vacanza eravamo quasi una ventina tra tedeschi, italiani e olandesi, e tutti i tedeschi annuivano convinti….il che mi ha lasciato il dubbio che la teoria sia opinione abbastanza condivisa dalle loro parti…..com’era quella sui libri di storia revisionisti?! :-D

    @Eks: difatti non a caso “chi sai tu” ha prontamente fatto notare che mentre l’efficacia organizzazione delle popolazioni barbare germaniche dirimeva le questioni a colpi di durlindana, qualcuno al sud aveva già tribunali con giudici ed avvocati ad applicare il codice…

    p.s.: ecco qui poi mi verrebe da fare una battuta ma non la faccio perchè Ricca e Vincenzo sono a spasso ma la mia bella è qui in stanza che rassetta…

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 2 votes)
  39. Ekstrom

    1 luglio 2012 at 20:23

    @Dane
    ma infatti io l’avevo capita così ai tempi della scuola. I romani sono stati un popolo simil barbaro, fiero e guerriero sino a quando si è trattato di espandersi lungo il centro Italia e fino alle guerre puniche.
    Poi sono diventati una potenza economica e militare, tanto che la guerra con Cartagine è nata praticamente per forza trattandosi di due superpotenze che iniziavano a pestarsi troppo i piedi.
    Tanto che quelle sono guerre paragonabili alle nostre, con costi enormi in termini di soldi, vite e ripercussioni sulle rispettive economie (mi pare che la prima guerra punica sia durata qualcosa come 30 anni perché si dovevano ogni volta trovare i fondi per finanziare le battaglie..).
    Solo che questo significa che da popolo Roma diventa civiltà, con istituzioni, organi (e organizzazione).
    Cosa che al tempo mancava ancora nelle fiere tribù del nord con usi e costumi meno civilizzati.
    E si sa che con la civiltà e il benessere che tutto questo porta, il passo verso il rilassamento dello spirito guerriero e verso la decadenza è breve..
    E si arriva al 476..
    Certo passare da Cattuso a discettare di storia, solo qui :-D

    RispondiRispondi
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Devi autenticarti per commentare Clicca qui per farlo